Leonardo.it

FilmUP.com > Recensioni > Parliamo delle mie donne
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Parliamo delle mie donne

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Rosanna Donato22 giugno 2017Voto: 7.5
 

  • Foto dal film Parliamo delle mie donne
  • Foto dal film Parliamo delle mie donne
  • Foto dal film Parliamo delle mie donne
  • Foto dal film Parliamo delle mie donne
  • Foto dal film Parliamo delle mie donne
  • Foto dal film Parliamo delle mie donne
Claude Lelouch torna dietro la macchina da presa per regalare nuove emozioni nella pellicola “Parliamo delle mie donne”, interpretata da un magistrale Johnny Hallyday.
Il film è incentrato sulla figura di Jacques Kaminsky, un fotografo di guerra di fama internazionale e padre assente di Primavera, Estate, Autunno e Inverno. Dopo essersi trasferito da Parigi a Praz-sur-Arly, un paesino ai piedi del Monte Bianco, l’uomo decide di prendersi una periodo di riposo in compagnia di Nathalie, colei che presto diventerà il suo nuovo amore. Jacques, però, si rende conto di aver bisogno di riconciliarsi con la sua famiglia e le sue quattro figlie, avute da altrettante donne differenti. Compito arduo, perché lui ha sempre preferito il lavoro agli affetti familiari. Il suo migliore amico Frédéric decide di aiutarlo in questa impresa mettendo in atto una messinscena, di cui anche Jacques e Nathalie sono all’oscuro.

Elegante, sublime e studiato. Questo è ciò che emerge dall’accurato lavoro di regia di Claude Lelouch, già conosciuto per la sua maestria nel raccontare una storia ponendo estrema attenzione verso i particolari più impercettibili.
Sin dall’inizio è chiaro quanto quest’ultimo dia maggiore importanza all’immagine piuttosto che ai dialoghi tra i diversi personaggi. Eppure anche la sceneggiatura non è da meno: dialoghi concisi, chiari, colmi di una profondità devastante. Un’intensità che emerge solo nell’insieme - dalla regia alla sceneggiatura, dall’interpretazione alla colonna sonora -, ma che è evidente sin da subito: da quando Jacques incontra Nathalie e inizia a parlarne della sua vita, senza però risultare mai pesante e noioso.
Una menzione speciale è da attribuire a Johnny Hallyday, interprete del personaggio principale, il quale ha regalato al cinema un’ottima prova d’attore, nonostante il distacco, la freddezza, che caratterizza la sua figura e quella degli altri interpreti coinvolti. Una scelta stilistica che sa il fatto suo. È come se Claude Lelouch volesse mostrare il turbamento provato dall’uomo e il disagio da lui creato nella vita delle sue figlie attraverso le sue studiate e particolari inquadrature, la freddezza che traspare dal modo di relazionarsi all’altro e dall’atteggiamento dei protagonisti, e i dialoghi ridotti ai minimi termini.
A colpire è inoltre una fotografia nitida e composta prevalentemente da tonalità calde, il più delle volte date dall’immensità del paesaggio che circonda la baita in cui Jacques e Nathalie vivono.

Nonostante sia presente un colpo di scena imprevedibile e di grande impatto (è difficile spiegarsi il motivo di tale scelta da parte del protagonista finché non si arriva alle scene finali), i temi affrontati sono poco originali, ma sviluppati in modo innovativo e soprattutto esaustivo. Si passa dalla paura di perdere una persona molto cara alle difficoltà che si possono incontrare nel perdonare l’assenza e le azioni passate di una figura importante della nostra vita, fino all’amore per la famiglia, in grado di superare qualsiasi ostacolo e di far trovare il coraggio per compiere determinate scelte.

Eppure in “Parliamo delle mie donne” emerge una leggerezza quasi sconvolgente se pensiamo a quanto detto finora, perché non è un film prettamente volto ad indurre una riflessione, ma pare essere una sorta di inno alle donne (queste ultime hanno un ruolo centrale), ognuna con il suo carattere, le sue credenze e la sua vita.
Caratterizzata da un ritmo eccessivamente lento, la pellicola gode di una colonna sonora francese che sottolinea questa sensazione di spensieratezza che sembra voler mettere in luce l’importanza di vivere fino in fondo la propria vita, attimo dopo attimo, perché nessuno è a conoscenza di ciò che potrebbe succedere l’indomani.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Una questione privata | Mazinga Z - Infinity | The Square | Lasciati Andare | The Place | Non c'è campo | The Teacher | My Name Is Emily | Terapia di coppia per amanti | La pelle dell'orso | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Ammore e malavita | La battaglia dei sessi | Madre! (V.O) | Julieta | Ogni tuo respiro | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | Kong: Skull Island (NO 3D) | Vittoria e Abdul | Justice League (V.O.) | L'altra metà della storia | Il mio Godard | Nico, 1988 | Justice League (NO 3D) | Paterson | La Notte non fa più Paura | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | Pipì Pupù e Rosmarina in Il Mistero delle Note Rapite | American Assassin | Loving Vincent | Flatliners - Linea mortale (V.O.) | Anime nere | Thor: Ragnarok | I'm - Infinita come lo spazio (NO 3D) | La ragazza del mondo | Thor: Ragnarok (NO 3D) | Agadah | It | Io Danzerò | LEGO Batman Il Film (NO 3D) | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Il pugile del duce | L'uomo di neve | Manifesto | L'incredibile vita di Norman | Auguri per la tua morte | Così parlò De Crescenzo | Flatliners - Linea mortale | Il palazzo del Viceré | L'esodo | Florence | Mistero a Crooked House | The Nice Guys | Paddington | Capitan Harlock 3d (NO 3D) | La botta grossa | The Broken Key | Dunkirk | La Tenerezza | Il senso della bellezza | Tutto quello che vuoi | Noi Siamo Tutto | Gifted - Il dono del talento | Una Vita, Une vie | Finché c'è prosecco c'è speranza | Dove non ho mai abitato | Mr. Ove | Il libro di Henry | Il diritto di contare | Easy - Un viaggio facile facile | Gli asteroidi | Il domani tra di noi | Nut Job 2: Tutto molto divertente | Borg McEnroe (V.O.) | Blade Runner 2049 (NO 3D) | Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no | La signora dello zoo di Varsavia | Gli sdraiati | L'intrusa | Addio Fottuti Musi Verdi | Gramigna | Bad Moms 2 - Mamme molto più cattive | Il cliente | Nut Job - Operazione Noccioline (NO 3D) | Paddington 2 | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no (V.O.) | Nove lune e mezza | Geostorm (NO 3D) | Classe Z | Ritorno in Borgogna | Never-Ending Man: Hayao Miyazaki | Detroit | Capitan Mutanda: Il film | Borg McEnroe | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | La casa di famiglia | Appuntamento al parco | Saw: Legacy | Human Flow | La ragazza nella nebbia | Il colore nascosto delle cose | Piani Paralleli | L'arte della felicità | Vampiretto | Good Time | Babylon Sisters | Brutti e cattivi | Caccia al tesoro | Renegades - Commando d'assalto | Capitan Mutanda: Il film (NO 3D) | Agnus Dei | The Paris Opera | Veleno | Vita da giungla: alla riscossa! - Il film | Gatta Cenerentola | Un altro me | Sole, cuore, amore | Malarazza | Il disprezzo (V.O.) | Zona d'ombra - Una scomoda verità | La bicicletta verde | La Battaglia Di Hacksaw Ridge (V.O.) | Il contagio - The Contagion | Justice League | Cicogne In Missione (NO 3D) | Gomorra 3 - La serie | Libere, disobbedienti, innamorate - In Between |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Il primo meraviglioso spettacolo (2016), un film di Davide Sibaldi con Lino Trentini, Paola Bonetti, Carla Pasetti.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: