FilmUP.com > Recensioni > Risveglio
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Risveglio

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Rosanna Donato25 gennaio 2018Voto: 6.5
 

  • Foto dal film Risveglio
  • Foto dal film Risveglio
  • Foto dal film Risveglio
  • Foto dal film Risveglio
  • Foto dal film Risveglio
Un carcere, tante vite che si intrecciano tra loro. Un carcere, che diventa un luogo di condivisione, dove il senso di fratellanza reciproca e la solidarietà sono all’ordine del giorno. Questo ci mostra “Risveglio”, il docufilm realizzato con i detenuti del carcere di Civitavecchia nel laboratorio di cinematerapia. Tanti personaggi, tutti diversi ma accomunati dalla voglia di reagire, di vivere l’esperienza del carcere nei migliore dei modi, lasciandosi trasportare dalla spontaneità e dal rispetto verso l’altro, e cercando di aiutare il prossimo, nonostante tutto. Perché nessuno in galera ha vita facile, ma c’è sempre un modo per risalire, e il laboratorio di cinematerapia è uno di questi. In “Risveglio” vediamo Italo, un detenuto in attesa che le indagini su un omicidio in un cantiere - di cui lui è ritenuto il responsabile dalle autorità - si concludano. È stato lui ad ucciderlo? È stato solo un incidente? Cosa è successo in cantiere quel giorno?

“Risveglio”, il docufilm realizzato con il contributo dei detenuti del carcere di Civitavecchia nel laboratorio di cinematerapia, mostra uno spaccato di vita reale e lo fa con molta semplicità. Il concetto di fondo, infatti, è chiaro sin da subito: mettere in luce le relazioni che si possono instaurare in una galera, insieme alle vite stesse dei suoi protagonisti. Ognuno dei quali con un passato difficile e un presente ancora più spinoso. Il docufilm non ha pretese di alcun tipo, però rende molto bene l’idea che si vuole dare della struttura. Siamo abituati a pensare al carcere come un luogo duro, dove tutti sono contro tutti, dove non c’è armonia. Ma ogni struttura ha un’organizzazione diversa, e a Civitavecchia - così come al carcere di Bollate (Milano) - l’esperienza di vivere dietro le sbarre sembra pesare meno rispetto ad altri posti simili. Gli interpreti, tutti detenuti, raccontano - attraverso la voce, i gesti e la mimica facciale - i loro stati d’animo e i loro problemi personali, insieme al bisogno di condividere con qualcuno le proprie emozioni e disagi interiori. Lo fanno in maniera poco naturale, ma d’altronde è bene ricordare che non stiamo parlando di professionisti. Eppure si nota che la forza di volontà nel riuscire a dare espressività ai loro personaggi e a coglierne tutte le sfumature c’è ed è tanta.

Nel docufilm “Risveglio” sono diversi i temi affrontati con la giusta profondità, a partire dal senso di colpa per aver commesso - questo per alcuni dei detenuti coinvolti - determinate azioni illegali, ma che in carcere sembrano aver preso coscienza dello sbaglio commesso e di dover concludere la pena per sentirsi veramente liberi. Ciò che colpisce, infatti, è questa loro consapevolezza che emerge più volte nel corso del progetto del carcere di Civitavecchia, la cui riuscita è dovuta anche ai loro momenti di condivisione - come le scene in cui il gruppo di detenuti canta canzoni come “Io vagabondo” e “Il ragazzo della via Gluck” -, di sostegno reciproco, soprattutto all’inizio e nei confronti di Italo. Quest’ultimo è angosciato perché potrebbe avere ucciso un uomo, è pieno di sensi di colpa perché sentiva il peso della responsabilità. Eppure, grazie al suo compagno di cella e agli altri membri del gruppo, unito all’amore della moglie - disposta a tutto pur di vederlo di nuovo felice (quanto può essere grande l’amore!) - Italo ritroverà il sorriso e una ragione per sperare, fuori e dentro al carcere. Insomma, un film che vale la pena vedere per la forte valenza sociale, ma anche per comprendere una realtà che in molti non comprendono. Perché se è vero che i detenuti hanno le loro colpe e devono scontare la pena fino all’ultimo, è anche giusto comprendere cosa potrebbe celarsi dietro ognuno di loro, cosa stanno passando, come vivono l’esperienza del carcere, ricordando sempre che ogni persona ha i suoi dolori. Non che questo giustifichi gli atti commessi, ma c’è sempre tempo per redimersi e capire i propri errori.
E poi chissà, magari non è tutto andato perso per Italo.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Il senso della bellezza | Fire Squad: Incubo di Fuoco | Ritorno al Bosco dei 100 Acri | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa | Sherlock Gnomes | Gli Incredibili 2 (V.O.) | A Voce Alta - La Forza della Parola (V.O.) | The Nun: La Vocazione del Male | Turner | Lazzaro Felice | Il maestro di violino | The Lone Ranger (NO 3D) | The Square | Il tuo ex non muore mai | Le Fidèle | Mission Impossible: Fallout (NO 3D) | Ready Player One (NO 3D) | Lola + Jeremy | Il sacrificio del cervo sacro | Ombra | Tre manifesti a Ebbing, Missouri | Nico, 1988 | Gli Incredibili 2 (NO 3D) | Favola | La terra dell'abbastanza | Transfert | Sembra mio figlio | Un Affare di Famiglia (V.O.) | Ocean's 8 | The Silent Man | Un Affare di Famiglia | The Breadwinner | Isis, tomorrow. The lost souls of Mosul | Gli Incredibili 2 | Slender Man | Una storia senza nome | Lucky | Tonya | Ultimo tango a Parigi | Il palazzo del Viceré | Due uomini, quattro donne e una mucca depressa | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Sulla mia pelle | Gotti - Il primo padrino | Mamma mia! Ci risiamo | Parigi a Piedi Nudi | Mr. Long | Padre | The Equalizer 2 - Senza perdono | Gravity (NO 3D) | Toglimi un dubbio | Dark Crimes | Otto e mezzo | Mamma mia! Ci risiamo (V.O.) | Io, Daniel Blake (V.O.) | Asino vola | Ella & John - The Leisure Seeker | La noche de 12 años | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (V.O.) | Doraemon - Il film (NO 3D) | Don't Worry | A Voce Alta - La Forza della Parola | Mary Shelley - Un amore immortale | Dogman | Boxe Capitale | The Nightingale | Resta con me | La ragazza dei tulipani | Dog Days | Hotel Gagarin | Orizzonti di gloria | Mr. Long (V.O.) | Piazza Vittorio | Salvador Dalì - La ricerca dell'immortalità | Un figlio all'improvviso | Un amore così grande | La ragazza dei tulipani (V.O.) | La Settima Musa | Franca: Chaos and Creation | La Banda Grossi | 1945 | Saremo giovani e bellissimi | Manhattan (V.O.) | Genesis 2.0 (V.O.) | Un marito a metà | Ken il guerriero - La leggenda di Hokuto | Luis e gli alieni | Ant-Man and the Wasp (NO 3D) | I primitivi | Peter Rabbit | Visages villages (V.O.) | Ride | Monkey King: Hero Is Back | Revenge | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Papillon | The Equalizer 2 - Senza perdono (V.O.) | Jurassic World - Il Regno Distrutto (NO 3D) | New York Academy - Freedance | Bogside Story | Mission Impossible: Fallout (V.O.) | La dolce vita | Come ti divento bella! | Teen Titans Go! Il film | Show Dogs - Entriamo in scena | Resident Evil: The Final Chapter (NO 3D) | La profezia dell'armadillo | Mission Impossible: Fallout | Beate |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Smallfoot: Il mio amico delle nevi (2018), un film di Karey Kirkpatrick, Jason Reisig con Zendaya, Channing Tatum, Gina Rodriguez.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: