HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Sangue del mio sangue











Le controindicazioni della memoria andrebbero lette con cura (o anche “mai chiedere troppo alla propria nostalgia”).
Bobbio, la cittadina emiliana che ha dato i natali a Marco Bellocchio, è la cornice di “Sangue del mio sangue”. La pellicola ha un andamento complessivamente tripartito e spazia sostanzialmente su due piani temporali: una idealizzata “età dell'inquisizione” (prima e ultima parte) in cui si seguono le vicende di Benedetta, una Gertrude “sui generis” torturata in un carcere-convento e seguita da un tale Don Federico (alla ricerca di una degna sepoltura per il fratello, compagno della religiosa) e una panoramica sulla contemporaneità (seconda parte) in cui un anziano e spettrale conte (Roberto Herlitzka) affronta il cambiamento sociale e generazionale della città che ha protetto e salvaguardato per più di tre decenni.
In sostanza il progetto ha l'aspetto finale di una lunga indagine di carattere personale che il regista conduce tra memorie dell'infanzia (l'educazione religiosa), relazioni intime con Bobbio e con la propria famiglia (nel cast ben tre “Bellocchio”) e considerazioni sull'oggi, sempre filtrate dalle dinamiche di una realtà molto piccola che, stando a quello che viene messo in bocca ad Herlitzka, è comunque “il mondo” (o perlomeno ne è paradigma).
In un cast di fedelissimi (i parenti non contano) spiccano, oltre al già citato attore torinese, Fausto Russo Alesi, Federica Fracassi, Alba Rohrwacher e Filippo Timi (nel piccolo ruolo del pazzo in cui fondamentalmente interpreta se stesso).
Le perplessità sul disegno d'insieme della pellicola non sono poche: anzitutto la discutibile sintonia tra i due percorsi narrativi tracciati, sia in termini di coerenza stilistica sia, entrando nello specifico, per quanto concerne l'efficacia dei due “passaggi” che collegano il tutto; la “parola detta”, la rete di sceneggiatura che sorregge il film, è poi abbastanza deludente e già dopo i primi dieci minuti sembra destinata a cedere (così sarà, salvo qualche attimo di respiro nel mezzo); la colonna sonora è francamente imbarazzante (e i Metallica acustici con monache e preti non si possono proprio sentire), e come se non bastasse, per finire, tutto quello che “succede” è forzato rispetto ai tempi che la storia, per come Bellocchio stesso ha deciso di presentarla, impone.
Il risultato pare favorire l'impressione che il regista abbia seguito suggestioni di carattere emotivo e facendosi prendere dalla fretta di “dire” e di “mostrare”, trascurando la cura di ogni singolo aspetto (è facile pensare che la trama prospettica sia la responsabile più indiziata per lacune di questo tipo).
E il problema è che, conseguentemente a tutto questo, l'ombra della gratuità complessiva è imponente e disturbante, rischiando di ridimensionare notevolmente le chiare pretese autoriali che stanno alla radice di “Sangue del mio sangue”: la rassegnazione nel dover prendere atto che i tempi cambiano (e con essi anche le determinazioni delle nuove generazioni rispetto alla contemporanea dispersione di valori) dovrebbe coincidere con la consapevolezza che tutto questo non può fare a meno di un lavoro raffinato di messa in discussione delle forme più atte ad interpretare questo scarto culturale.
E allo stesso modo è interessante la riflessione che viene spesa sulla prigione, sulla detenzione, sulla pausa spirituale forzata, sulla “monaca di Bobbio” murata viva nel suo potenziale sovversivo, sulle celle degli impulsi più elementari e umani, ma per come viene resa il sospetto è che il carcere se lo sia confezionato su misura.
E non vale il “melius abundare quam deficere”, perché dentro al film c'è troppo, e orientarsi stilisticamente è faticoso e poco stimolante specie quando si prende atto che comunque lo si veda, il lavoro si sblocca a fatica e resta rilegato ad un appetito un po' superficiale di nostalgia (da nostos, “ritorno”, nel vero senso del termine).

La frase:
"Il sangue non mi fa più nessun effetto, questa è la tragedia".

a cura di Riccardo Favaro

Scrivi la tua recensione!



FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
La migliore offerta | Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre | Il Corpo della Sposa - Flesh Out | Finchè morte non ci separi | Vivere | Yuli - Danza e libertà | Se mi vuoi bene | Downton Abbey | Scary Stories to Tell in the Dark | Le Mans '66 - La grande sfida | Sono Solo Fantasmi | Dilili a Parigi | Joker (V.O.) | Il mio profilo migliore | Maleficent - Signora del Male (NO 3D) | Doctor Sleep | Good bye Lenin! | Downton Abbey (V.O.) | Le Mans '66 - La grande sfida (V.O.) | Mio fratello rincorre i dinosauri | Deep - Un'avventura in fondo al mare | The Irishman | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Non succede, ma se succede... | Bangla | Lezioni di piano | Il Piccolo Yeti | Shaun, Vita da Pecora - Farmageddon Il Film | Zombieland - Doppio Colpo (V.O.) | Tutto il mio folle amore | L'età giovane (V.O.) | Il giorno più bello del mondo | Vicino all'Orizzonte | La famiglia Addams (NO 3D) | Le ragazze di Wall Street - Business Is Business (V.O.) | C'era una volta...a Hollywood | The Bra - Il reggipetto | Il traditore | Le verità (2017) | Parasite (V.O.) | Morte a Venezia | Le ragazze di Wall Street - Business Is Business | Ad Astra | I migliori anni della nostra vita | A spasso col panda | Il cielo sopra Berlino | Pupazzi alla Riscossa - UglyDolls | La Scomparsa di mia Madre | Maleficent - Signora del Male | Gli uomini d'oro | Parasite | Come se non ci fosse un domani | Toy Story 4 (NO 3D) | Metropolis | Ritratto di signora | #AnneFrank. Vite parallele | Gemini Man (NO 3D) | Edison - L'uomo che Illuminò il Mondo | Hansel & Gretel: Cacciatori di streghe (NO 3D) | The Danish Girl | L'uomo del labirinto | Mother's Day | La Notte non fa più Paura | La vita invisibile di Eurídice Gusmão | The Irishman (V.O.) | Miserere | Attraverso i miei occhi | Il segreto della miniera | Joker | Doctor Strange (NO 3D) | L'età giovane | Miserere (V.O.) | Psicomagia - Un'arte per guarire | Il Re Leone (NO 3D) | Pupazzi senza gloria | Midway | La Belle Époque | Zombieland - Doppio Colpo | Il Re Leone (1994) (NO 3D) | Sole | Maleficent (NO 3D) | Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città | Terminator: Genisys (NO 3D) | BlacKkKlansman | Tuttapposto | Ailo - Un'avventura tra i ghiacci | Dora e la città perduta | Ora e sempre riprendiamoci la vita | The Informer - Tre secondi per sopravvivere | Deepwater - Inferno sull'Oceano | IRA | Dumbo (1941) | Terminator: Destino Oscuro | La Famosa Invasione degli Orsi in Sicilia | Manta Ray | Le verità | Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città (V.O.) | La Belle Époque (V.O.) | Martin Eden | Una canzone per mio padre | Yesterday | Grazie a Dio (V.O.) | Grazie a Dio |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per In questo mondo (2018), un film di Anna Kauber con  , ,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: