Leonardo.it


La fabbrica di cioccolato

Tutto sul film:   La Scheda/Trama  |  La Recensione  |  Le Opinioni degli utenti sul film  |  Il Poster


La fabbrica di cioccolato.
Gustare "il nuovo" ripensando, immancabilmente, al vecchio...

di Andrea D'Addio

C'era una volta (ma neanche troppi anni fa) chi il 25 Dicembre si alzava presto la mattina e correva in salone per scoprire cosa ci fosse sotto l'albero. E poi, passata l'euforia (o la delusione), legata al dono ricevuto, si sedeva sul bordo del letto con gli occhi fissi sul televisore, aspettando che su RaiUno cominciasse la favola di "Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato".
La storia la conosceva benissimo: l'aveva vista esattamente un anno prima, l'anno prima ancora e l'anno prima dell'anno prima ancora. Insomma, sempre… Eppure non poteva fare a meno di gustarsela ancora, per l'ennesima volta. E così mentre lui scartava il suo regalo, Charlie Buckett scartava quella magica tavoletta col biglietto d'oro. La sua felicità, era la stessa di quel ragazzino dall'altra parte dello schermo. In quella fabbrica "di sogni" non ci entrava solo Charlie, ma tutti i bambini che con lui si incontravano una sola, ma intensa, volta l'anno.

Quando cominciò a girare la voce che un regista fantasioso e "fanciullesco" come Tim Burton aveva voglia di riprendere quella stessa storia, le reazioni di quei (allora) bambini furono contrastanti. Ci fu chi storse il naso: "perché rifarlo se l'originale è già bellissimo?", chi invece approvò l'idea: "Tim Burton renderà quella storia ancora più fantastica di quanto già non sia", e a chi non gliene importò nulla (sono i Peter Pan che si sono dimenticati della loro infanzia). A meno che non si facesse parte di quest'ultima schiera, andare al cinema a vedere "il nuovo" sembrò un dovere per tutti. E altrettanto naturale venne fare un confronto.


Tim Burton in realtà non ha mai detto di aver fatto un sequel, ma solo un riadattamento del libro "Willy Wonka e la fabbrica di cioccolata" pubblicato per la prima volta nel 1963 da Roald Dahl, autore nel 1971 anche della sceneggiatura dell'omonimo film diretto da Mel Stuart.
Seppur la traccia a grandi linee sembra essere la stessa, le differenze tra i due film sono sostanziali.

Già il cambio del titolo è indicativo. Il film di Burton è "Charlie e…." , quello di Stuart è "Willy Wonka e….". In ambedue i casi il personaggio citato nel titolo non è il protagonista della storia, ma quello su cui la storia convergerà.
Nel primo film il centro della storia è Charlie, questo poverissimo ragazzo sempre gentile e premuroso che vede nell'inaccessibile fabbrica di cioccolato, il simbolo della speranza. La fabbrica di dolciumi è ciò che lo spinge a guardare avanti con ottimismo e determinazione, senza accasciarsi sulle sue misere condizioni. Una volta riuscito ad entrare nello stabile, Willy Wonka gli si rivela come una sorta di riequilibratore sociale: è colui che premierà il buono (Charlie) e punirà chi non si accontenta delle proprie fortune (gli altri ragazzini).
La morale è tanto semplice quanto commuovente: comportarsi per bene, mettendo l'amore immateriale davanti a qualsiasi rendiconto pratico e personale, finisce col farti sorridere la vita.


Nel secondo film, anche Burton sembra inizialmente voglia focalizzarsi su Charlie. In realtà, poi scopriamo, che è giusto un pretesto per conoscere il malessere di Willy Wonka, un uomo solo, misantropo, alienato dalla realtà, costretto ad ignorare gli affetti per realizzare i propri sogni. L'attenzione si sposta quindi ben presto sul grande pasticcere, mettendo in secondo piano la storia di Charlie e del nonno (manca infatti la sequenza dei due nella stanza delle bibite con le bollicine che fanno volare, che c'era nel primo). Burton vuole mettere in scena un film sul rapporto genitori-figli. Lo fa in maniera esplicita, parlando dell'educazione quando a cantarne sono gli (ma forse dovremmo dire l'unico) irresistibili Umpa-Lumpa, in maniera leggermente più celata quando ci mostra con diversi flashback il rapporto di Willy Wonka col padre. Charlie diventa così la coscienza di Willy, una sorta di modello cui dover tendere. Anche in questo caso si tratta di "amore", ma la direzione è più circoscritta all'ambito familiare. [continua...]




I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
L'altra metà della storia | Split | L'ordine delle cose | Il libro di Henry | Amori che non sanno stare al mondo | Anime nere | Manhattan | My Generation (V.O.) | Wonder (V.O.) | La Tenerezza | Magic in the Moonlight | Due sotto il burqa | Non buttiamoci giù | Zero in condotta | Jumanji: Benvenuti nella Giungla (NO 3D) | L'uomo di neve | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Il vegetale | Mr. Ove | L'ora più buia | Suburbicon | Lasciati Andare | Grand Budapest Hotel | Assassinio sull'Orient Express | La verità negata | Tutti i soldi del mondo | Poveri ma ricchissimi | The Greatest Showman (V.O.) | Life, Animated | Leo da Vinci - Missione Monna Lisa | Bastille Day - Il colpo del secolo | A Ciambra | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no | Poesia senza fine | Il ragazzo invisibile - Seconda generazione | Kong: Skull Island (NO 3D) | Tre manifesti a Ebbing, Missouri | Upwelling - La risalita delle acqua profonde | Gatta Cenerentola | Gifted - Il dono del talento | Smetto quando voglio - Ad Honorem | Oltre i confini del male - Insidious 2 | Suburbicon (V.O.) | La ruota delle meraviglie | Wonder | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Veleno | Napoli velata | La signora dello zoo di Varsavia | Ammore e malavita | Come un gatto in tangenziale | Benedetta Follia | Detroit | Ella & John - The Leisure Seeker | The Greatest Showman | Beata ignoranza | Corpo e anima | Un tirchio quasi perfetto | Finché c'è prosecco c'è speranza | Happy End | Il senso della bellezza | La ragazza nella nebbia | Safari | Jumanji: Benvenuti nella Giungla | Morto Stalin se ne fa un altro | Essere Gigione - L'incredibile storia di Luigi Ciaravola | Loving Vincent | Noi Siamo Tutto | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | Star Wars: Gli ultimi Jedi | Alla ricerca di Van Gogh | Cuori Puri | Blade Runner 2049 | Morto Stalin se ne fa un altro (V.O.) | Tre manifesti a Ebbing, Missouri (V.O.) | Ferdinand (NO 3D) | La ruota delle meraviglie (V.O.) | Capitan Mutanda: Il film (NO 3D) | L'infanzia di un capo | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Un sacchetto di biglie | Coco (NO 3D) | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | My Generation | Il palazzo del Viceré | La fine del mondo | L'Insulto | Insidious: L'ultima chiave | Star Wars: Gli ultimi Jedi (NO 3D) | La Convocazione | L'incredibile vita di Norman | L'uomo dai mille volti | L'ora più buia (V.O.) | 50 Primavere | The Square | The Midnight Man | Il viaggio di Fanny | Loveless | L'Atalante |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Made in Italy (2017), un film di Luciano Ligabue con Stefano Accorsi, Kasia Smutniak, Fausto Maria Sciarappa.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: