Blood diamond - Diamanti di sangue

Tutto sul film:   La Scheda/Trama, Recensione, Posters, Trailer


Death of a president - Morte di un presidente

DICHIARAZIONE DEL REGISTA
Un disastro nazionale è sempre un momento che ci fa fermare e che ci fa riflettere su ciò che è veramente importante.
Mentre la premessa di "Death of a President" ha sicuramente un carattere sovversivo, in quanto metafora dell'11 settembre deve necessariamente essere terribile. La storia ci insegna che non c'è nulla che abbia un impatto più sconvolgente sull'America dell'assassinio di un Presidente.
Ho sempre saputo che sarei stato condannato per l'idea alla base di questo film, ma credo che alle volte, il fatto che l'arte sia oltraggiosa, sia non solo accettabile ma necessario.
Viviamo in un periodo di grande paura. Quando la gente ha paura, entra nel panico e spesso fa cose di cui poi si pente - ad esempio, l'incarcerazione dei giapponesi -americani durante la seconda Guerra Mondiale.
La condanna a priori di questo film da parte di politici e sapientoni che non lo hanno visto - e forse non vedranno mai- riflette il clima di terrore nel quale viviamo oggi, e al quale il mio film cerca di rivolgersi.
Ciò che maggiormente mi disturba riguardo quello che sta accadendo oggi è la compiacenza. Accadono cose terribili e nessuno le nota. È mia convinzione che questa compiacenza sia largamente dovuta al modo in cui i media presentano i fatti. Essendo stato anch'io per lungo tempo un giornalista televisivo, so molto bene di cosa parlo.
Sono inglese, ma ho passato moltissimo tempo negli Stati Uniti, sia come residente che come giornalista. Ho molti amici qui, molti dei quali hanno dei famigliari che sono stati impegnati o lo sono tuttora in Iraq. Sento di avere un legame molto forte con questo paese. Ciò che volevo fare con questo film era offrire un'altra prospettiva su quanto è accaduto negli ultimi cinque anni, e vedere come la Guerra del terrore, e l'invasione dell'Iraq stiano cambiando l'America.





MORTE DI UN PRESIDENTE
Vincitore del Premio Internazionale della Critica al Festival di Toronto, "DEATH OF A PRESIDENT" è concepito come un documentario di fiction televisiva in onda nel 2008, dove si ragiona su un evento orribile e catastrofico: l'assassinio de George W. Bush, avvenuto il 19 ottobre 2007. Nel "documentario" appaiono immagini di repertorio e interviste create ad hoc, il tutto presentato in maniera rispettosa e dignitosa. Il film emoziona e offre al pubblico una storia avvincente, dando vita ad un thriller politico-provocatorio che rivela verità più ampie. Ma il film non è a favore della violenza; piuttosto ne mostra gli effetti dannosi.
Il film inizia in maniera energica con materiale di repertorio montato in maniera frenetica che ci proietta nel bel mezzo di una folla rabbiosa di manifestanti, che attende il corteo del Presidente Bush. Il Presidente è ritratto come un uomo simpatico e piacevole - amato da coloro che lo circondano e incantevole con i suoi seguaci. Mentre il Presidente è impegnato in un discorso patriottico in un hotel, la furia dei dimostranti aumenta fino al punto di rottura. La tensione sale sino al momento terribile in cui il Presidente viene assassinato.
Dopo l'assassinio, il film si trasforma in un giallo, e prosegue con la caccia all'assassino da parte dell'FBI. Vengono intervistati tutti i sospetti tranne uno - un uomo siriano, che viene condannato e messo nel braccio della morte. Vi sono molte prove circostanziali contro di lui. Ma è colpevole del crimine? O la sua origine mediorientale fornisce una scusa appropriata per catalogare la morte del Presidente come un atto di terrorismo?
Il regista Gabriel Range ha usato l'espediente del "documentario retrospettivo" nel suo celebre film "The Day Britain Stopped," su una catena di eventi che portò al crollo della rete dei trasporti del paese e a fare centinaia di vittime. Entrambi i film sono stati elogiati per la virtuosità tecnica con la quale mescolano immagini di repertorio e scene del film creando immagini di catastrofi incredibilmente realistiche.


[continua...]



FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Glass | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Maria, Regina di Scozia (V.O.) | Non ci resta che vincere | A Beautiful Day | Suburbicon | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità | Il gioco delle coppie (V.O.) | Banksy Does New York | L'agenzia dei bugiardi | La donna dello scrittore | Una notte di 12 anni (V.O.) | Un Affare di Famiglia | Old Man & the Gun (V.O.) | Ralph Spacca Internet (NO 3D) | Un piccolo favore | Suspiria (1977) | Ricomincio da me | La Befana vien di notte | Vice - L'uomo nell'ombra | Michelangelo - Infinito | Museo - Folle Rapina A Città Del Messico | Roma (V.O.) | Non ci indurre in tentazione | Green book | Summer | Il cerchio | La melodie | A Star Is Born | Tonya | Moschettieri del Re - La penultima missione | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | Una notte di 12 anni | BlacKkKlansman | Aquaman | Colette | La donna elettrica (V.O.) | Maria, Regina di Scozia | Lontano da qui | Mountain | Tutti in piedi | Bohemian Rhapsody (V.O.) | Il testimone invisibile | Non ci resta che il crimine | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Gli uccelli | Non ci resta che piangere | Attenti al gorilla | Notti magiche | Il saluto - La storia che nessuno ha mai raccontato | Disobedience | The Children Act - Il verdetto | Bohemian Rhapsody - Sing along | Ben Is Back | Old Man & the Gun | Bumblebee (NO 3D) | Il complicato mondo di Nathalie | 1945 | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | Dove bisogna stare | La douleur (V.O.) | Lo schiaccianoci e i quattro regni (NO 3D) | Suspiria | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità (V.O.) | Santiago, Italia | Glass (V.O.) | Aquaman (NO 3D) | Troppa grazia | Tutti lo sanno | Separati ma non troppo | Il vizio della speranza | Roma | La donna elettrica | Mia e il Leone Bianco | Chesil Beach - Il segreto di una notte | Il maestro di violino | Alpha - Un'amicizia forte come la vita (NO 3D) | Io sono Tempesta | Voglio mangiare il tuo pancreas | Away from her - Lontano da lei | Ti presento Sofia | Tre volti | Exit Through the Gift Shop | Il Grinch (NO 3D) | First Man - Il primo uomo | Nelle tue mani | 7 uomini a mollo | La profezia dell'armadillo | La Strega Rossella e Bastoncino | Benvenuti a Marwen | Vice - L'uomo nell'ombra (V.O.) | M.i.a. - La cattiva ragazza della musica | Un marito a metà | Lady Bird | Mathera - L'Ascolto dei Sassi | Senza lasciare traccia | Gli Invisibili | Una storia senza nome | Ralph Spacca Internet | Mary Shelley - Un amore immortale | Il mio Capolavoro | Widows - Eredità criminale | Suspiria (V.O.) | Bohemian Rhapsody | Un sacchetto di biglie | 1938 - Diversi | Spider-Man: Un Nuovo Universo (NO 3D) | Red Land (Rosso Istria) | Cold war (V.O.) | La diseducazione di Cameron Post | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (V.O.) | La favorita (V.O.) | Amici come prima | Euforia | Lazzaro Felice | The Wife - Vivere nell'ombra | Robin Hood - L'origine della leggenda | La douleur | Capri-Revolution | Cold war | City of Lies - L'ora della verità | Il gioco delle coppie | In guerra | Il ritorno di Mary Poppins | La signora dello zoo di Varsavia |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per La favorita (2018), un film di Yorgos Lanthimos con Olivia Colman, Emma Stone, Rachel Weisz.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: