13 Maggio 2010 - Conferenza
"Draquila - L'Italia che trema"
Intervista alla regista.
di Andrea D'Addio

In Italia il film è già in sala dallo scorso weekend e così Sabina Guzzanti incontra i giornalisti connazionali mentre il suo film riceve la prima proiezione nel palazzo del cinema. La polemica con il ministro della cultura Sandro Bondi ha caratterizzato l'ultima settimana. Il rappresentante del governo non verrà a Cannes a sostenere il cinema italiano proprio a causa del documentario della Guzzanti reo di "dileggiare l'immagine del nostro Paese". Le domande, dato anche lì argomento del film, non possono che essere di natura politica.


Come risponde alle parole del ministro Sandro Bondi?
Sabina Guzzanti: Mi ero promessa di non parlarne, ma non ce la faccio. Pare che Bondi neanche sia stato invitato al Festival. Non capisco allora perché abbia tirato fuori la faccenda. Il suo comportamento comunque è vergognoso. Neanche ha visto il film, tutto ciò che ha visto sono state un insieme di scene tagliate dal montaggio finale fatte vedere da Santoro ad Anno Zero. Non è il film che fa fare brutta figura all'Italia, ma il comportamento del governo.

Come è nata l'idea di questo progetto?
Sabina Guzzanti: Ho iniziato le ricerche per questo film a maggio dell'anno scorso, e sono andata in Abruzzo la prima volta a Luglio. Fin dall'inizio si capiva che c'era qualcosa che non andava, ma non era chiarissimo. Poi le cose si sono svelate poco a poco. Finché non sono uscite le inchieste della magistratura sulla protezione civile non avevo le prove necessarie, ma era chiaramente la rappresentazione di un sovvertimento della nostra costituzione senza passare per i metodi costituzionali. Danno pieni poteri alla Protezione civile per avere poi il diritto di emettere ordinanze che aggirano la legge e lascino varchi aperti a speculazioni di ogni tipo. La tragedia del terremoto di L'Aquila mi è sembrata un perfetto emblema di questa Italia caratterizzata da clientelismo, speculazione, cattiva informazione e plagio della popolazione.

Anche Bertolaso ha preso le distanze dal suo film…
Sabina Guzzanti: Ho provato a intervistare Bertolaso fin da quando sono andata in Abruzzo. Ha sempre rimandato, poi mi ha promesso di fare un tour assieme su tutti i luoghi di emergenza, infine ha annullato tutto. Alla fine ho desistito. Lui è un simbolo di questo governo, non si può dimettere perché ne nuocerebbe tutto il governo. Purtroppo il malcostume di non dimettersi anche se si è sotto inchiesta per questioni molto gravi è ormai diffusissimo. Sono andata nella sede della protezione civile a Roma e persino lì mi hanno raccontato di quanto ci siano sprechi ovunque. Si potrebbero fare tantissimi film con il materiale che si potrebbe raccogliere.

Berlusconi l'altra sera in una cena a Palazzo Grazioli pare abbia risposto alla conclusione del suo film dichiarando come non si possa definirlo un dittatore, che le trasmissioni delle televisioni pubbliche sono spesso contro di lui…
Sabina Guzzanti: Non può dire cose del genere, non può dirle a me dopo ciò che ha fatto. La battaglia per risalire da questa situazione deve essere portata su di un piano culturale ed infatti la cultura è proprio il bersaglio di questo governo. Il cinema lo puoi fare solo se fai film a bassissimo budget. Questo film io me lo sono prodotto da sola insieme ad alcuni amici, mai avrei trovato chi me lo produceva. La censura poi c'è anche in televisione, impossibile negarlo.

Cosa pensa di Fini e del suo graduale allontanamento da Berlusconi?
Sabina Guzzanti: Chiunque rispetti la nostra Costituzione merita rispetto. Meglio ciò che prova a fare Fini oggi che il congresso di Fiuggi quindici anni fa.

Progetti futuri?
Sabina Guzzanti: Ho varie idee in testa per il prossimo film, prima del sisma volevo raccontare cosa ne è della sinistra italiana e degli intellettuali nel nostro paese. Penso sarà difficile però riprendere in mano quell'idea e, in caso, trovare produttori che la finanzino.

FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Il bene mio | Il giovane Karl Marx | L'uomo che uccise Don Chisciotte (V.O.) | Hunter Killer - Caccia negli abissi | The Wife - Vivere nell'ombra | La fuitina sbagliata | Nureyev | A Voce Alta - La Forza della Parola | Fahrenheit 11/9 | Styx | Lo schiaccianoci e i quattro regni | The Constitution - Due insolite storie d'amore | Tutti lo sanno | Hell Fest | Animali Fantastici e Dove Trovarli | L'uomo che uccise Don Chisciotte | Euforia | Il presidente | Lo schiaccianoci e i quattro regni (NO 3D) | Una storia senza nome | 1938 - Diversi | In guerra (V.O.) | I Villani | Zanna Bianca (NO 3D) | BlacKkKlansman | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | The Reunion | Universitari - Molto più che amici | Friedkin Uncut - Un diavolo di regista | Red Zone - 22 miglia di fuoco | Achille Tarallo | First Man - Il primo uomo | A-X-L - Un'amicizia extraordinaria | Notti magiche | Uno di famiglia | Girl | Malcolm X | Senza lasciare traccia (2016) | Un Affare di Famiglia | Rocco Tiene Tu Nombre | Giovani ribelli - Kill Your Darlings | Mary Shelley - Un amore immortale | Johnny English colpisce ancora | Frida | Transfert | La verità, vi spiego, sull'amore | L'albero dei frutti selvatici | Overdrive | In viaggio con Adele | Overlord | Up&Down - Un film normale | First Man - Il primo uomo (V.O.) | Piccoli Brividi 2: I Fantasmi Di Halloween | Smallfoot: Il mio amico delle nevi (NO 3D) | Chesil Beach - Il segreto di una notte | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald | Venom (NO 3D) | Mio figlio | Benvenuti a casa mia | Gotti - Il primo padrino | Summer | Tonya | Menocchio | Dogman | La bella e la bestia | Resta con me | Lissa ammetsajjel | Un piccolo favore | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | Freaks | Quello che so di lei | Tutti lo sanno (V.O.) | Benvenuto in Germania! | Animali Fantastici e Dove Trovarli (NO 3D) | A Star Is Born | Otzi e il mistero del tempo | Renzo Piano: l'architetto della luce | Girl (V.O.) | L'affido - Una storia di violenza | La Casa dei Libri | L'ape Maia - Le olimpiadi di miele | Il ragazzo più felice del mondo | Gli Incredibili 2 (NO 3D) | Il complicato mondo di Nathalie | Il maestro di violino | Lo schiaccianoci 3D (NO 3D) | L'Intrepido | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | The Party (V.O.) | L'atelier | Cosa fai a Capodanno? | Nureyev (V.O.) | The Children Act - Il verdetto | Widows - Eredità criminale (V.O.) | Halloween | Disobedience | L'eredita' | Il Drago Invisibile (NO 3D) | Lucky | Cosa dirà la gente | Soldado | 7 sconosciuti a El Royale | Ti presento Sofia | The Happy Prince | Manuel | #Ops - L'Evento | Senza lasciare traccia | Baffo & Biscotto - Missione Spaziale | Zen sul ghiaccio sottile | La donna dello scrittore | A Star Is Born (V.O.) | Bernini | Museo - Folle Rapina A Città Del Messico | Un Affare di Famiglia (V.O.) | In guerra | Tutti in piedi | Ora e sempre riprendiamoci la vita | Red Land (Rosso Istria) | Millennium - Quello che non uccide | Zombie contro Zombie | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (V.O.) | Il potere dei soldi | Angel face | Chesil Beach - Il segreto di una notte (V.O.) | Sulla mia pelle | La profezia dell'armadillo | Il mistero della casa del tempo | Non è un paese per giovani | Si muore tutti democristiani | La diseducazione di Cameron Post (V.O.) | Senza lasciare traccia (V.O.) | Widows - Eredità criminale | The red shoes | L'incredibile viaggio del Fachiro |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Il Sindaco - Italian politics for dummies (2018), un film di Davide Parenti, Claudio Canepari con  , ,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: