Leonardo.it


09 Novembre 2012 - Conferenza
"Il canone del male"
Intervista al regista e al cast.
di Francesco Lomuscio

Non c'è festival gestito da Marco Müller che non presenti almeno un film di Takashi Miike tra quelli proiettati.
Proprio così, dopo i vari "Sukiyaki western Django" (2007), "13 assassini" (2010) e il dittico "Zebraman" (2004-2010), passati sugli schermi della Mostra internazionale d'Arte cinematografica di Venezia nel corso delle edizioni tenutesi sotto la direzione artistica mülleriana, il prolifico cineasta giapponese vede per la prima volta una sua pellicola in concorso presso il Festival Internazionale del Film di Roma, proprio nell'anno in cui è Müller a gestirlo.
Pellicola che, intitolata in patria "Aku no kyôten" e internazionalmente conosciuta come "Lesson of the evil", parte da un romanzo di Yusuke Kishi per portare una dura ventata di splatter e violenza all'interno del panorama prevalentemente intellettual-autoriale dell'edizione 2012 del festival; dove il regista, approdato insieme agli attori protagonisti Hideaki Ito ed Erina Mizuno per presentare il film alla stampa, ha dichiarato scherzosamente: "Sono contento di trovarmi per la prima volta qui, a Roma, ma spero di riuscire a tornare sano e salvo in Giappone dopo la proiezione ufficiale".


Cosa intende con questa dichiarazione?
Takashi Miike: Potete prenderla come uno scherzo, ma, in effetti, avverto una certa insicurezza. Alcune ore dopo la proiezione ufficiale a Roma, il film verrà proiettato anche nelle sale giapponesi e, se non dovesse essere preso bene dal pubblico, resterò qui e avrò asilo politico (ride).

Crede che la ricerca dell'estremo che sta portando avanti nella sua carriera potrà condurre a ulteriori risultati, ancora più estremi?
Takashi Miike: Sì. Anche nell'ultimo anno ho fatto molti film e mi è stata data tanta libertà. Io non voglio cercare di proteggere la mia carriera, ma di distruggerla per farne qualcosa di nuovo. Voglio qualcosa di ancora più affilato, anche se potrebbe non essere compreso da chiunque.

Il fucile che si trasforma ha un qualcosa del cinema di David Cronenberg...
Takashi Miike: Io sono un grandissimo fan di David Cronenberg. Influenze del suo lavoro ci sono state, anche nella percezione del quotidiano, però va precisato che lo spunto non è suo, ma dell'autore del romanzo. Inconsciamente, magari, posso aver subito molte altre influenze, tra cui, appunto, quella di Cronenberg.

Come avete lavorato sulla trasposizione del romanzo?
Takashi Miike: Leggendo il romanzo mi sono reso conto che il protagonista è una persona terribile, ma anche che volevo proteggerlo, perché, in un certo senso, è sincero con se stesso. Tutti noi, da adulti, stabiliamo dei legami e li manteniamo, mentre lui ne è privo, è un personaggio completamente slegato. Il film sarà visto da qualcuno come puro intrattenimento, ma per me è anche qualcosa di più. Inoltre, è da sottolineare il fatto che molti alunni vengono uccisi e che ciò porta lo spettatore a un meccanismo di discriminazione; perché capita spesso di chiedersi per quale motivo muoia un personaggio e non un altro e questo porta il pubblico a entrare in sintonia con il killer, a fargli adottare il suo stesso punto di vista.
Hideaki Ito: Il protagonista, nel romanzo, ha delle psicopatologie molto forti che io non sentivo, quindi l'ho dovuto letteralmente creare insieme al regista e devo dire che è stato molto divertente. Entrare nella sua ottica è come tifare per il cattivo.
Erina Mizuno: Per il mio ruolo ho cercato di unire logica ed emotività, due aspetti che, in genere, non vanno d'accordo. L'alunna che interpreto viene presa in giro da Hasumi, per questo è facile che alcuni spettatori provino simpatia per lei.

Quanto avete fatto uso del digitale?
Takashi Miike: In realtà, gli effetti speciali, in Giappone, non sono molto sviluppati, siamo rimasti sostanzialmente a cinquanta anni fa. Tramite la computer grafica abbiamo cercato di conferire al film un retrogusto particolare, trasmettendo, però, un'accezione analogica.

FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Tutto quello che vuoi | Cuori Puri | Blow-up | 7 minuti | Adorabile nemica | Renegades - Commando d'assalto | Una Donna Fantastica | Anime nere | Una famiglia | Veleno | PIIGS- Ovvero come imparai a preoccuparmi e a combattere l'austerity | Prendimi e portami via | Koudelka fotografa la Terra Santa | Fortunata | L'infanzia di un capo | Lego Ninjago Il Film | Un profilo per due | Café Society | Gatta Cenerentola | Amore e inganni | Kong: Skull Island (NO 3D) | Lo and Behold - Internet: il futuro è oggi | Nemesi | L'appartamento (V.O.) | Scappa - Get Out | Quello che so di lei | LEGO Batman Il Film (NO 3D) | La fratellanza | Blade Runner - The Final Cut | Jukai - La foresta dei suicidi | Sicilian Ghost Story | Il cliente | Monster Family | L'uomo di neve | Arrival (V.O.) | Come ti ammazzo il bodyguard | Barry Seal - Una storia americana | Parliamo delle mie donne | Codice Criminale | Silence | Civiltà perduta | Lion - La strada verso casa | Nemiche per la pelle | Jackie | Appuntamento al parco (V.O.) | Lady Macbeth | Appuntamento al parco | Il grande sonno | L'inganno | La vita in comune | The Circle | L'uomo di neve (V.O.) | Il palazzo del Viceré | Lego Ninjago Il Film (NO 3D) | Ammore e malavita | Cars 3 (NO 3D) | L'inganno (V.O.) | Miss Sloane - Giochi di potere | Una doppia verità | Le cose che verranno - L'avenir | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | Blade Runner 2049 | Vita da giungla: alla riscossa! - Il film | Madre! | Emoji - Accendi le Emozioni | Emoji - Accendi le Emozioni (NO 3D) | Blade Runner 2049 (V.O.) | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Moglie e marito | La battaglia dei sessi | Veleni | Brutti e cattivi | 120 battiti al minuto | L'intrusa | Mal di pietre | Blade Runner 2049 (NO 3D) | A Ciambra | Walk with Me | Aspettando il Re | Noi Siamo Tutto | Made in China Napoletano | Yo-Yo Ma e i musicisti della via della seta - The Music Of Strangers | Il colore nascosto delle cose | La Tenerezza | Nonno scatenato | Ritorno in Borgogna | Loving | Dove non ho mai abitato | Parigi o cara | Kingsman - Il cerchio d'oro (NO 3D) | Lasciati Andare | It | Nico, 1988 | Nove lune e mezza | Sieranevada | It (V.O.) | Human Flow | 40 sono i nuovi 20 | The Teacher | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | Manchester by the Sea | Departures | Il viaggio di Fanny | L'altra metà della storia | L'uomo dai mille volti | L'equilibrio | The Whispering Star (V.O.) | Dunkirk | Easy - Un viaggio facile facile | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Safari | L'incredibile vita di Norman | Chi m'ha visto | L'ordine delle cose |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Un ferragosto all'italiana (2017), un film di Christian Canderan con Alessio Gambon, Vito Zucchi, Lucia Messina.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: