11 Febbraio 2007 - Conferenza stampa
"Lettere da Iwo Jima"
Intervista al regista.
di Mauro Corso


Clint Eastwood, veterano del cinema e grande intrattenitore anche nelle conferenze stampa risponde volentieri a diverse domande su Iwo Jima, film speculare rispetto a Flag of our fathers.

In questo film guarda alla storia giapponese in modo molto rispettoso, come ha fatto a non guardarla con "occhi americani"?
Clint Eastwood: è semplice, ho cercato di mettermi nei loro panni. Ho approfondito la loro storia e ho cercato di immedesimarmi nella loro situazione. In fondo è una cosa che un attore fa sempre e che rientra nella natura del mestiere. All'inizio è stata una semplice curiosità quando stavo girando Flag: volevo saperne di più sui difensori dell'isola di Iwo Jima, volevo sapere quali fossero i sentimenti del generale Kuribayashi nei confronti della propria famiglia così come traspare dalle sue lettere, e poi il resto è venuto naturale come è stato naturale chiedermi come mi sarei comportato nella loro situazione.

Quali sono state le sue prime esperienze con il cinema giapponese?
Clint Eastwood: mi ricordo che a Los Angeles quando facevo l'università negli anni cinquanta c'era un piccolo cinema che faceva solo film giapponesi. Così conobbi i sette samurai, Rashomon, Yojimbo e diventai un fan di Kurosawa... beh tutti lo erano allora. Poi a Cannes ho avuto il privilegio di incontrarlo e per via delle fotografie di passare un po' di tempo con lui, ma non ho mai lavorato nel cinema giapponese, fino ad ora s'intende.

Come mai ha scelto Ninomiya per il ruolo di Saigo?
Clint Eastwood: avevamo un corrispondente giapponese ad occuparsi del casting, che raccoglieva i provini e li preselezionava. Ninomiya era venuto per un altro ruolo ma quando l'ho visto ho pensato che era perfetto per la parte di Saigo. In ogni caso questo corrispondente ha fatto un lavoro eccezionale e tutto il cast è ideale.

Come mai ha dedicato due film alla guerra del pacifico?
Clint Eastwood: l'interessamento è nato tramite la ricerca. All'inizio ero incuriosito dal libro di Bradley, che è anche una specie di libro giallo visto che un figlio cerca di scoprire cosa aveva fatto il padre durante la guerra. Andare a esaminare il lato giapponese della vicenda è stata - ripeto - la logica conseguenza. Poi mi sembrava una cosa da fare assolutamente, e anche una sfida... confrontarsi con una cultura diversa, ho imparato moltissimo da tutto questo. Imparo lentamente, ma poi la mia memoria funziona...!

Ha pronostici per la notte degli Oscar?
Clint Eastwood: no, non ne ho. Il film è andato bene in Giappone e sta andando bene negli Usa. E tanto mi basta.

Come sceglie le sceneggiature?
Clint Eastwood: è molto semplice ed umano: vedo se mi interessa o no. Pura inclinazione. Anche quando lavoravo come attore vedevo se un personaggio mi affascinava oppure no. Ora che sono passato dietro alla telecamera mi sono convinto ancora di più che visto che devo passare all'incirca un anno su una sceneggiature è meglio che mi piaccia!

Come mai ci sono pochi colori in Iwo Jima?
Clint Eastwood: si tratta di una scelta precisa che ho posto in essere già da quattro film, Mystic River e Million Dollar Baby compresi. In pratica si tratta di una tecnica che permette una desaturazione dei colori in modo tale da fare emergere in maniera più netta i neri. Credo che sia anche una questione di gusto personale: la guerra in Technicolor per me non riesce ad avere le atmosfere giuste, sarà che sono cresciuto con film degli anni quaranta in bianco e nero. Però ci sono delle differenze. in Flag c'è una desaturazione maggiore nelle scene di guerra e molto minore nelle parti in cui i protagonisti tornano alla civiltà. Ho fatto qualcosa di simile in Iwo Jima, specialmente nei flashback dei personaggi durante i ricordi della vita da "civili".

Ci sono dei critici che sostengono che Iwo Jima appartenga al filone della peggiore propaganda dai tempi di Tokyo Road...
Clint Eastwood: beh sono degli idioti (ride)... o più semplicemente non hanno visto il film, succede più spesso di quanto di possa immaginare.

Ci sono legami con la realtà di adesso?
Clint Eastwood: se fai un film di guerra è difficile che non vengano fatti paragoni con quello accade nella realtà contemporanea. Ogni guerra ha dei tratti simili ad altre guerre del passato e del presente. Ma non sono stato influenzato da quello che accade ora, ho solo seguito la storia. Del resto non si può neanche dire che il mio film sia favorevole alla guerra. Quello che mi interessava era mostrare gli effetti di un conflitto sugli individui e vedere come la guerra abbia un impatto che elimina il concetto di nazionalità. Tutti a casa soffrono allo stesso modo per la perdita di un amato morto in battaglia. Inoltre al di là di ogni propaganda c'erano buoni e cattivi su tutti e due i fronti. Allora la propaganda insegnava ai giapponese che se cadevano prigionieri gli sarebbero capitate cose orribili, per questo preferivano togliersi la vita. Ma anche la propaganda statunitense inculcava ai propri soldati idee simili.

La lingua giapponese è stata un problema?
Carolina Crescentini: nonostante avessimo un ottimo interprete direi che non è stato un problema. Dagli attori si può percepire immediatamente il livello emotivo e capire se le cose stanno andando bene o male.

Cosa vuol dire per lei "Eroismo"?
Carolina Crescentini: è quello che succede a gente comune quando meno se lo aspetta, ed è una cosa che può accadere in guerra. Molto più spesso le persone comuni rimangono paralizzate di fronte al pericolo, ed è una reazione comprensibilissima. Però generalmente chi riesce a reagire dopo non si sente un eroe. Bradley in un certo senso era un eroe, aveva avuto la massima onorificenza dalla Marina degli Stati Uniti, ma quando una volta tornato in patria è stato trattato come una star ne è rimasto sopraffatto.

FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Red Joan | Cocaine - La vera storia di White Boy Rick (V.O.) | Pet Sematary | After | Attacco a Mumbai - Una vera storia di coraggio | Il disprezzo | Book Club - Tutto può succedere | Kung Fu Panda | Border - Creature di confine (V.O.) | Dolor y Gloria (V.O.) | Cyrano mon amour (V.O.) | L'uomo fedele (V.O.) | Nelle tue mani | Il professore e il pazzo | Maria, Regina di Scozia | Che fare quando il mondo è in fiamme? | Tutti Pazzi a Tel Aviv (V.O.) | Downsizing - Vivere alla grande | Il campione | A spasso con Willy | Noi | La Llorona - Le lacrime del male | La promessa dell'alba | Cafarnao - Caos e miracoli | Diec - Il Miracolo di Illegio | Tutti Pazzi a Tel Aviv | Girl | Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock 'n Roll | Moschettieri del Re - La penultima missione | Un valzer tra gli scaffali | Avengers: Endgame (NO 3D) | Ted Bundy - Fascino criminale (V.O.) | Ancora un giorno | La vita in un attimo | Bangla | Gloria Bell | Non ci resta che il crimine | Il mistero delle pagine perdute | Peterloo | Una giusta causa | Il gioco delle coppie | Pokémon: Detective Pikachu (V.O.) | Pokémon: Detective Pikachu | Avengers: Endgame | La conseguenza | I fratelli Sisters | Quando eravamo fratelli | Panico | Border - Creature di confine | Roma | Pokémon: Detective Pikachu (NO 3D) | Tonya | Ti Porto Io | Torna a casa, Jimi! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro | John McEnroe - L'impero della perfezione | Avengers: Endgame (V.O.) | Il museo del Prado - La corte delle meraviglie | Oro verde - C'era una volta in Colombia | Unfriended: Dark Web | Dolor y Gloria | Le invisibili | Tutte le mie notti | Ricordi? | Ancora un giorno (V.O.) | Wonder Park | I Figli del Fiume Giallo | Dolceroma | Dilili a Parigi | We the Animals | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità | I fratelli Sisters (V.O.) | Unfriended | Rivoluzione digitale | Quando eravamo fratelli (V.O.) | Dumbo (NO 3D) | Solaris | Il grande spirito | The Brink - Sull'Orlo dell'Abisso | Mò Vi Mento - Lira di Achille | Conversazioni Atomiche | Dafne | Lucania - Terra Sangue e Magia | La favorita | Rocketman | La donna elettrica | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Alamar | John Wick 3: Parabellum | Old Man & the Gun | Stanlio e Ollio (V.O.) | Enamorada | Attenti a quelle due (V.O.) | Attenti a quelle due | La Strega Rossella e Bastoncino | Le Grand Bal | Wonder Park (NO 3D) | Cyrano mon amour | Stanlio e Ollio | Parlami di te | Bohemian Rhapsody | Diabolik sono io | John McEnroe - L'impero della perfezione (V.O.) | John Wick 3: Parabellum (V.O.) | Il Corriere - The Mule | Copia originale | Momenti di trascurabile felicità | Sarah & Saleem - Là dove nulla è possibile | Il colpevole - The Guilty | Domani è un altro giorno | Che fare quando il mondo è in fiamme? (V.O.) | Il viaggio di Yao | L'uomo dal cuore di ferro | L'agenzia dei bugiardi | Rapiscimi | The Royal Ballet: Triple Bill (Programma Triplo) | Green book | Toglimi un dubbio | Un Affare di Famiglia | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Mountain | L'uomo fedele | Un Padre, Una Figlia | La Caduta dell'Impero Americano | L'uomo che comprò la luna | Un Viaggio Indimenticabile | Quanto basta | Sofia | Il viaggio di Yao (V.O.) | Non sono un assassino | Takara - La notte che ho nuotato | Ma cosa ci dice il cervello | Ted Bundy - Fascino criminale | Solo cose belle |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Sonic il Film (2019), un film di Jeff Fowler con Ben Schwartz, ,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: