Leonardo.it



29 aprile 2005 - Conferenza stampa
"Non aver paura"
Intervista al cast del film.
di Ilaria Ferri


Un'insolita introduzione precede la proiezione del film: la cantante(esordiente?) Manuela Zanier, interpreta dal vivo la canzone "Non rispondi", sottofondo dei titoli di coda del film, che può far pensare alla "Almeno tu nell'universo" interpretata da Elisa qualche anno fa, e presente nella colonna sonora di "Ricordati di me" di Muccino, ma con la quale ogni paragone è quanto meno azzardato…
Altro punto comune col film di Muccino, è la partecipazione di Laura Morante, sempre splendida, presente in sala insieme ad Alessio Boni, Cesare Adolfo Bocci, i giovani Marco e Andrea Ragno, il co-sceneggiatore Massimo Sgorbani, i produttori Fulvio Lucisano e Gianfranco Piccioli e un orgoglioso Angelo Longoni che giustifica il ritardo della moglie Eleonora Ivone, intenta ad accudire la loro secondogenita neonata.


Angelo Longoni: Non avere paura è la storia di un conflitto e di chi ne fa le spese, ovvero le persone più fragili: i bambini, in questo caso Luca, che non avendo nessun appoggio nei genitori, inventa un alter ego immaginario col quale confrontarsi, farsi coraggio nei momenti difficili e affrontare le sue paure. Negli ultimi anni i motivi per avere paura si sono moltiplicati, i protagonisti del film hanno paura dell'ignoto, di perdere il figlio. La paura altera le facoltà mentali, tanto da far temere il quotidiano e ingigantire le impressioni e i timori, infatti "il maniaco", Angelo, non minaccerà mai veramente il bambino, ma una serie di coincidenze inganneranno la percezione della realtà dei nostri personaggi.

(Agli attori) Non avete avuto paura di eccedere recitando?
Laura Morante: No, bisognava rendere credibili i conflitti, non ho avuto paura di esagerare con gli isterismi di Laura, e poi dopo le urla del film di Muccino… (risate ndr)

Alessio Boni: Non ho avuto paura di odiare troppo, perché l'odio provato nel film è una piccolissima parte dell'odio che c'è nel mondo e poi il mio personaggio vive uno dei maggiori drammi che un uomo possa vivere: lo sgretolamento della propria famiglia, il tradimento della moglie, l'allontanamento dal figlio; ha perso tutto e cerca una rivincita riavendo con se il bambino. Mi piace molto la dicotomia tra rabbia e dolcezza verso il figlio, che lo caratterizza.

Nel film sono presenti temi disturbanti: violenza familiare, pedofilia, quale vi ha colpito di più? Quale è stato il più difficile da rappresentare?
Angelo Longoni Sono stato contento di trattare questi argomenti difficili, era proprio ciò che desideravo, perché troppo spesso nel cinema italiano c'è la tendenza ad edulcorare certi temi stemperandole con la commedia, nel cinema americano, per esempio, gli autori tante remore non se le pongono, si mostra di tutto.

Alessio Cesare Bocci: E' giusto parlare spesso di questi temi! Non va bene parlare in televisione di pedofilia solo quando succede qualcosa di brutto! Per me ricoprire il ruolo di Angelo non è stato difficile o imbarazzante, anche se pronunciavo battute un po' esplicite, perché ho affrontato una situazione simile portando a teatro per lungo tempo il "Monologo di un pedofilo".

Angelo Longoni: E poi questo non è un film sulla pedofilia, il personaggio di Angelo non è un vero e proprio pedofilo, è più un sadico moralista, che trae piacere nel far soffrire madri, che per un motivo o l'altro lavorano, nelle hot-line come Laura. Tutta la vicenda nasce dagli equivoci e dalle bugie. I genitori raccontano bugie al figlio, fingono che vada tutto bene, ma continuano a litigare furiosamente, il bambino chiaramente capisce che mentono ma non ha aiuto da loro, e lo cerca in se stesso,scindendosi.

Quali sono le paure di oggi? E da cosa dipendono?
Angelo Longoni: le paure nella nostra società sono tantissime: dalla bomba atomica, all'11 settembre, alla paura verso chi è diverso da noi, e la paura è amplificata anche dalla nostra immaginazione!

Massimo Sgorbani: molte paure vengono anche dalla consapevolezza che i mezzi di protezione non sono sufficienti, come nel film Laura non riesce a proteggere e allontanare il figlio dal pericolo.

Laura Morante: Il pericolo è nella paura, che rende la persone manipolabili, nel film tutti sbagliano perché hanno paura. Anche i due genitori che mentono, mentono pensando di fare bene, ma la paura è solo una cattiva consigliera.


  

Intervista al cast del film "Non aver paura".


La scheda

La recensione

Il trailer

Il poster


Laura Morante:

Filmografia
Photo Gallery













I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
L'altra metà della storia | Split | L'ordine delle cose | Il libro di Henry | Amori che non sanno stare al mondo | Anime nere | Manhattan | My Generation (V.O.) | Wonder (V.O.) | La Tenerezza | Magic in the Moonlight | Due sotto il burqa | Non buttiamoci giù | Zero in condotta | Jumanji: Benvenuti nella Giungla (NO 3D) | L'uomo di neve | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Il vegetale | Mr. Ove | L'ora più buia | Suburbicon | Lasciati Andare | Grand Budapest Hotel | Assassinio sull'Orient Express | La verità negata | Tutti i soldi del mondo | Poveri ma ricchissimi | The Greatest Showman (V.O.) | Life, Animated | Leo da Vinci - Missione Monna Lisa | Bastille Day - Il colpo del secolo | A Ciambra | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no | Poesia senza fine | Il ragazzo invisibile - Seconda generazione | Kong: Skull Island (NO 3D) | Tre manifesti a Ebbing, Missouri | Upwelling - La risalita delle acqua profonde | Gatta Cenerentola | Gifted - Il dono del talento | Smetto quando voglio - Ad Honorem | Oltre i confini del male - Insidious 2 | Suburbicon (V.O.) | La ruota delle meraviglie | Wonder | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Veleno | Napoli velata | La signora dello zoo di Varsavia | Ammore e malavita | Come un gatto in tangenziale | Benedetta Follia | Detroit | Ella & John - The Leisure Seeker | The Greatest Showman | Beata ignoranza | Corpo e anima | Un tirchio quasi perfetto | Finché c'è prosecco c'è speranza | Happy End | Il senso della bellezza | La ragazza nella nebbia | Safari | Jumanji: Benvenuti nella Giungla | Morto Stalin se ne fa un altro | Essere Gigione - L'incredibile storia di Luigi Ciaravola | Loving Vincent | Noi Siamo Tutto | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | Star Wars: Gli ultimi Jedi | Alla ricerca di Van Gogh | Cuori Puri | Blade Runner 2049 | Morto Stalin se ne fa un altro (V.O.) | Tre manifesti a Ebbing, Missouri (V.O.) | Ferdinand (NO 3D) | La ruota delle meraviglie (V.O.) | Capitan Mutanda: Il film (NO 3D) | L'infanzia di un capo | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Un sacchetto di biglie | Coco (NO 3D) | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | My Generation | Il palazzo del Viceré | La fine del mondo | L'Insulto | Insidious: L'ultima chiave | Star Wars: Gli ultimi Jedi (NO 3D) | La Convocazione | L'incredibile vita di Norman | L'uomo dai mille volti | L'ora più buia (V.O.) | 50 Primavere | The Square | The Midnight Man | Il viaggio di Fanny | Loveless | L'Atalante |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Teaser trailer in italiano (it) per Black Panther (2018), un film di Ryan Coogler con Chadwick Boseman, Michael B. Jordan, Lupita Nyong’o.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: