07 Settembre 2011 - Conferenza
"Quando la notte"
Intervista alla regista e al cast.
di Giuliana Steri

Presenti Cristina Comencini - regista, Filippo Timi - Manfred, Claudia Pandolfi - Marina, Michela Cescon - Bianca e Riccardo Tozzi - produttore

Nel film emerge il tema della maternità non rassicurante, non tradizionale. Perché analizza la figura di una madre fuori dal comune?
Cristina Comencini: Proprio per quello che sta dicendo lei. Tutte le donne, anche quelle che non hanno un figlio, conoscono il sentimento della maternità. E' un sentimento molto forte, che si trova nel bagaglio emotivo di tutte le donne. Questo argomento è stato trattato molto più in letteratura che nel cinema. A me interessano molto i sentimenti totalizzanti, molto forti, e la lotta per uscire dalla solitudine. Solo chi ha vissuto una maternità ne comprende la sua ambivalenza: da una parte è un sentimento che arricchisce, mentre dall'altra limita e soffoca. Si pensa sempre che un bambino sia della mamma, ma per fare un figlio bisogna essere in due, uniti da un sentimento. Io volevo mettere un uomo al centro della vita di una donna e di suo figlio. Manfred ha questo ruolo, avendo salvato Marina e Marco.

Quanto la regione Piemonte è coinvolta nella produzione?
Riccardo Tozzi: Il suo contributo è stato determinante, ci ha permesso di girare nel luogo che era stato scelto sin dall'inizio per le riprese. In questo periodo i contributi di enti e regioni è fondamentale, perché permette di fare ancora dei film di qualità.

Visto come la storia si evolve, soprattutto nella prima parte, è impossibile non pensare agli eventi di Cogne. E' una cosa voluta?
Cristina Comencini: No, non è voluto. Io me ne sono accorta non subito, ma solo dopo che mi è stato fatto notare. La mia idea era di parlare della solitudine di una madre che porta il proprio bambino in montagna per un mese. A tutte le mamme, con un bimbo ammalato, è stato consigliato un lungo periodo in montagna. La montagna è durissima, è solitudine, si è soli con se stessi e col silenzio. Ma costringe a guardarsi dentro, e scovare e risolvere i propri problemi. Ecco, io parto da esistenze molto normali. Mi piace però scoprire dietro queste delle esperienze straordinarie.

Il suo è un film, come ha già detto, su maternità e sentimenti, ma anche sulle assenze. Claudia Pandolfi, è anche lei una madre giovane come quella che interpreta. Che esperienza è stata girare il film?
Claudia Pandolfi: E' stata un'esperienza travolgente e molto intima, anche perché sono situazioni e sensazioni che ho provato sulla mia pelle. Ti trovi davanti un piccolo essere e ti domandi chi è, ti chiedi dov'è il tuo senso materno. Anche io avuto un momento di crisi come Marina, ma per fortuna avevo qualcuno accanto. E' dura quando tutti danno per scontato che tu sarai comunque una buona madre.
Cristina Comencini: La vita è complessa. Io non credo che un uomo capisca realmente cosa provi una donna nella maternità, per questo motivo risulta essere una figura assente. Dovrebbe, come padre, dividere la madre dal figlio per interrompere il loro morboso legame che si crea dalla nascita. Questa osmosi è importante ma pericolosa. Una donna in crisi spesso non ha nessuno con cui parlare. E' per me quindi fondamentale parlare di questi argomenti nei film, visto che nella vita spesso vengono taciuti e non si affrontano. Sono pezzi di dolore.

Anche Michela Cescon interpreta una madre, molto diversa però da Marina. Ce ne parlate?
Michela Cescon: Ho amato molto il ruolo di Bianca. E' una madre felice, ma mi fa rabbrividire ancora la sua frase: 'Da sola non avrei mai fatto i miei figli'. E non parla solo del concepimento ma del sostegno emotivo di suo marito. E' importante avere accanto qualcuno che non dia per scontato che lei sia una buona madre.
Claudia Pandolfi: Marina non ha avuto questa fortuna.

Filippo Timi e Claudia Pandolfi, mi siete sembrati atipici come coppia. E i dialoghi tra di voi mi sono sembrati non in sintonia. Come vi siete preparati per il ruolo?
Filippo Timi: Atipica…no. Io e Claudia abbiamo fatto l'unico provino insieme e subito è scattata la scintilla, abbiamo riconosciuto nell'altro la nostra stessa ruvidezza, la stessa emotività. I dialoghi non sono importanti, conta il non detto. I problemi che ho avuto con il testo sono dovuti solo alla mia balbuzie. Cristina (Comencini n.d.a.) ha cancellato una frase della scena dell'ospedale, perché dopo otto ore di riprese ancora non mi veniva. Il difficile è stato tornare a casa, e uscire dal personaggio di Manfred. Mi lobotomizzavo con i Simpson, quindi si può dire che mi sono ispirato a Bart e Omer .
Claudia Pandolfi: Atipico si… Perché siamo totalmente agli antipodi. Manfred e Marina sono due persone molto lontane che però insieme funzionano perfettamente.

Non so se sa come è stato accolto il film dalla stampa. Su alcune frasi dei protagonisti, nella seconda parte, ci sono state delle risate. Forse perché sono state usate delle frasi 'letterarie' che nel film non funzionano.
Cristina Comencini: Nel film c'è un grande silenzio. Ci sono però anche parole emozionanti, e nei festival è difficile cogliere le emozioni. Il libro è composto da due monologhi interiori, noi lo abbiamo oggettivizzato. Abbiamo ridotto all'osso le battute, non sono quindi d'accordo che i dialoghi siano letterari. Sono solo secchi e concisi.

FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Conversazioni Atomiche | A Star Is Born | Opera senza autore | La Casa dei Libri (V.O.) | La donna dello scrittore | Richard - Missione Africa | Gli Incredibili 2 (NO 3D) | Up&Down - Un film normale | Notti magiche | A Casa Tutti Bene | Alpha - Un'amicizia forte come la vita (NO 3D) | Alpha - Un'amicizia forte come la vita (V.O.) | Macchine mortali | Una storia senza nome | Separati ma non troppo | Il complicato mondo di Nathalie | Dinosaurs | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | L'atelier | First Man - Il primo uomo | Tre volti | Almost nothing - Cern: la scoperta del futuro | Il mistero della casa del tempo | Millennium - Quello che non uccide | L'ape Maia - Le olimpiadi di miele | Ti presento Sofia | La Casa dei Libri | A Quiet Passion | Red Land (Rosso Istria) | Halloween | Ovunque proteggimi | Disobedience | Un giorno all'improvviso | Lo sguardo di Orson Welles | Non dimenticarmi | Sogno di una notte di mezza età | L'appartamento | Roma | La prima pietra | Un Affare di Famiglia | Robin Hood - L'origine della leggenda | Styx | Lontano da qui | Terra Bruciata! il Laboratorio Italiano della Ferocia Nazista | Dancer | Il Grinch (NO 3D) | Alpha - Un'amicizia forte come la vita | Senza lasciare traccia | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Tutti lo sanno | Colette (V.O.) | Cold war | Il testimone invisibile | Transfert | Angel face | Se son rose | Santiago, Italia | Moschettieri del Re - La penultima missione | Tonya | Lo sguardo di Orson Welles (V.O.) | Visages villages | La Strega Rossella e Bastoncino | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Renzo Piano: l'architetto della luce | Il castello di vetro | Parigi a Piedi Nudi | Corpo e anima | Il settimo sigillo | Soldado | I Misteri di Ichnos - La Strega di Belvì | Chesil Beach - Il segreto di una notte | La profezia dell'armadillo | L'uomo sul treno - The Commuter | La pelle dell'orso | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | Estate 1993 | Conta su di me | Figlia mia | Soldado (V.O) | Il Banchiere Anarchico | Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (V.O.) | Don't Worry | Roma (V.O.) | Sulla mia pelle | Il vizio della speranza | I Villani | Sulle sue spalle | Il dubbio - Un caso di coscienza | Michelangelo - Infinito | In guerra | Museo - Folle Rapina A Città Del Messico | Sergio e Sergej - Il professore e il cosmonauta | Mary Shelley - Un amore immortale (V.O.) | La casa delle bambole - Ghostland | Morto tra una settimana... o ti ridiamo i soldi | La fuitina sbagliata | Un nemico che ti vuole bene | Girl | Insyriated | Hell Fest | The Rolling Stones Olé, Olé, Olé! | First Man - Il primo uomo (V.O.) | Papa Francesco - Un uomo di parola | L'apparizione | L'uomo che rubò Banksy | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no | Non ci resta che vincere (V.O.) | La musica nel cuore | Ulysses: A Dark Odyssey | Un altro me | Le ereditiere | Bohemian Rhapsody | Sono tornato | Bohemian Rhapsody (V.O.) | Menocchio | Non ci resta che vincere | Tutti in piedi | Omicidio al Cairo (V.O.) | Le Fidèle (V.O.) | A Private War | Widows - Eredità criminale | Tully | La donna elettrica | Colette | Il Grinch (V.O.) | Isabelle | L'appartamento (V.O.) | Macchine mortali (NO 3D) | Troppa grazia | My Name Is Adil | Un piccolo favore | Lo schiaccianoci e i quattro regni (NO 3D) | L'affido - Una storia di violenza | The Wife - Vivere nell'ombra | Il ragazzo più felice del mondo | The Children Act - Il verdetto | Io la conoscevo bene | Ride |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Mowgli - Il Figlio della Giungla (2019), un film di Andy Serkis con Rohan Chand, Matthew Rhys,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: