Leonardo.it


01 Settembre 2012 - Conferenza
"The Master"
Intervista al regista e al cast.
di Francesco Lomuscio

Senza alcun dubbio, è stato uno dei lungometraggi più attesi della sessantanovesima Mostra d'arte cinematografica di Venezia.
"The master" di Paul Thomas Anderson, acclamato regista di "Boogie nights-L'altra Hollywood" e "Magnolia", ispirato in maniera molto libera alla fondazione dell'organizzazione conosciuta come Scientology, che annovera tra le proprie file star del calibro di Johna Travolta e Tom Cruise, pone un eccellente Joaquin Phoenix nei panni di un reduce della Seconda Guerra Mondiale e un altrettanto eccellente Philip Seymour Hoffman in quelli del sedicente guru di una potente setta che, a quanto pare, sembrerebbe potergli fornire una nuova ragione di vita.
Una pellicola che, indubbiamente, individua il suo maggiore punto di forza nella lodevole prova sfoggiata dal cast; comprendente anche la Amy Adams di "Come d'incanto", purtroppo assente nella conferenza stampa di presentazione, tenutasi presso il Lido e alla quale hanno preso parte sia il regista che Philip Seymour Hoffman e uno stralunatissimo Phoenix.
Infatti, quest'ultimo si è rifiutato di rispondere a buona parte delle domande, sfoggiando un comportamento da divo capriccioso alquanto discutibile.


Parliamo dell'aspetto narrativo del film…
Paul Thomas Anderson: In realtà, io sono solito andare in sala di montaggio, eliminare il superfluo e sperare che il resto sia sufficiente per narrare una storia. Scherzi a parte, ciò che mi interessava era raccontare una storia d'amore e d'affetto tra i personaggi.

E' vero che Tom Cruise e Scientology si sono irritati per il film?
Paul Thomas Anderson: Tom ha già avuto modo di vedere il film, ma il resto della storia rimane tra me e lui.

Quanta libertà hanno avuto gli attori nella costruzione dei loro personaggi?
Philip Seymour Hoffman: Paul da grande libertà di scelta, è uno che ama gli attori, li rispetta e vuole che siano responsabili delle loro azioni. Continuiamo a sviluppare i personaggi parlandone, ma, dato che Paul è molto intelligente, sono già scritti molto bene in partenza. Poi, lo conosco Paul da vent'anni, è sopratutto un amico e lavorare con lui è una cosa in più. Sappiamo come lavorare insieme e trarne il meglio, ma l'amicizia viene prima di tutto.

Cosa vedono i personaggi l'uno nell'altro?
Philip Seymour Hoffman: Sicuramente, sono entrambi selvaggi. Anche se provengono da ambienti diversi, hanno una stessa tendenza: vogliono addomesticarsi a vicenda e liberare se stessi nell'altro.

Come ha costruito il suo personaggio Joaquin Phoenix?
Joaquin Phoenix: Io non penso di avere mai avuto libertà, Paul mi ha detto cosa fare. Non ho idea da dove provenga il personaggio e neanche mi interessa.

Come mai questo ritorno alla tematica del rapporto padre-figlio?
Paul Thomas Anderson: E' vero, è un tema che mi interessa molto, ma qui abbiamo più un rapporto amoroso, anche se atipico.

Paul, ci puoi raccontare come hai scelto gli attori? E' arrivata prima la sceneggiatura o prima gli attori?
Paul Thomas Anderson: Da tempo volevo lavorare con Joaquin, ma lui è un po' difficile e ha sempre rifiutato. Stavolta, invece, ha detto di sì. Con Philip siamo molto amici, quindi ero sicuro che avrebbe accettato, mentre Amy Adams è un'attrice straordinaria ed è lei che ha deciso di prendere parte al film. Purtroppo, oggi non è qui perché è impegnata a Broadway.

Perché un film ispirato a Scientology?
Paul Thomas Anderson: Non ne ho idea, il film potrebbe essere ambientato ovunque ed anche i personaggi sono universali, perché abbiamo un mentore e un seguace, con il primo che soffre perché il secondo lo abbandona. Non vi sono aspetti sociologici legati in modo specifico all'America.

Però l'ambientazione post-bellica è molto specifica.
Paul Thomas Anderson: Quella degli anni Cinquanta, dopo la fine della guerra, era un'epoca in cui molte famiglie si spostavano da uno stato all'altro, quindi quella che racconto era la situazione tipica di quel momento.

Come mai il film è stato girato in 70 millimetri?
Paul Thomas Anderson: I tecnici mi hanno suggerito di usare questo formato, ma ho avuto non poche difficoltà durante la lavorazione del film, perché la cinepresa era enorme, si rompeva sempre e faceva molto rumore. Però, almeno ha fornito un'epica particolare nella resa visiva, nei primi piani e nei campi lunghi.

E' la seconda volta che la colonna sonora di un tuo film viene composta dal chitarrista Jonny Greenwood…
Paul Thomas Anderson: Ormai io e Jonny siamo diventati amici. Non avevo molte indicazioni da dargli, quindi gli ho fatto vedere il poco materiale che avevo a disposizione e lui ha scritto i brani. Poi, abbiamo utilizzato vecchie canzoni, come il brano di Ella Fitzgerald.

FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Loveless | L'uomo di neve | Veleno | L'uomo dai mille volti | Il palazzo del Viceré | Suburbicon (V.O.) | Lasciati Andare | Split | Tre manifesti a Ebbing, Missouri (V.O.) | My Generation | L'ordine delle cose | Kong: Skull Island (NO 3D) | Finché c'è prosecco c'è speranza | L'ora più buia | Safari | L'Insulto | Wonder (V.O.) | Il viaggio di Fanny | Loving Vincent | Il senso della bellezza | Il libro di Henry | Essere Gigione - L'incredibile storia di Luigi Ciaravola | Un sacchetto di biglie | Life, Animated | Magic in the Moonlight | Un tirchio quasi perfetto | Anime nere | Morto Stalin se ne fa un altro | Wonder | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Alla ricerca di Van Gogh | Gatta Cenerentola | Due sotto il burqa | Corpo e anima | Napoli velata | La ruota delle meraviglie | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no | Il ragazzo invisibile - Seconda generazione | L'incredibile vita di Norman | The Greatest Showman (V.O.) | A Ciambra | Upwelling - La risalita delle acqua profonde | The Square | Leo da Vinci - Missione Monna Lisa | Morto Stalin se ne fa un altro (V.O.) | Happy End | Capitan Mutanda: Il film (NO 3D) | Beata ignoranza | Zero in condotta | Star Wars: Gli ultimi Jedi | Il vegetale | Poveri ma ricchissimi | Suburbicon | Noi Siamo Tutto | L'infanzia di un capo | La fine del mondo | L'altra metà della storia | Assassinio sull'Orient Express | L'Atalante | Coco (NO 3D) | Blade Runner 2049 | La ruota delle meraviglie (V.O.) | Mr. Ove | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Benedetta Follia | Smetto quando voglio - Ad Honorem | Tutti i soldi del mondo | My Generation (V.O.) | La signora dello zoo di Varsavia | 50 Primavere | La verità negata | Insidious: L'ultima chiave | Gifted - Il dono del talento | Poesia senza fine | Jumanji: Benvenuti nella Giungla | Come un gatto in tangenziale | The Midnight Man | La ragazza nella nebbia | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | L'ora più buia (V.O.) | Cuori Puri | Amori che non sanno stare al mondo | La Convocazione | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | Manhattan | Ammore e malavita | Bastille Day - Il colpo del secolo | Non buttiamoci giù | Star Wars: Gli ultimi Jedi (NO 3D) | The Greatest Showman | Ella & John - The Leisure Seeker | Detroit | Ferdinand (NO 3D) | Jumanji: Benvenuti nella Giungla (NO 3D) | Grand Budapest Hotel | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | Tre manifesti a Ebbing, Missouri | Oltre i confini del male - Insidious 2 | La Tenerezza |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Chiamami col tuo nome (2017), un film di Luca Guadagnino con Armie Hammer, Timothée Chalamet, Michael Stuhlbarg.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: