La prima cosa bella

Tutto sul film:   La Scheda/Trama, Recensione, Poster


Il segreto di David - The Stepfather

Tutte le famiglie del patrigno: rispolverando la trilogia "Stepfather"

Regista nel 2008 dello slasher "Che la fine abbia inizio", scritto da J.S. Cardone prendendo spunto dal "Non entrate in quella casa" firmato ventotto anni prima da Paul Lynch, il televisivo Nelson McCormick, supportato dallo stesso sceneggiatore, si dedica al thriller "Il segreto di David", ovvero il rifacimento di " The stepfather-Il patrigno" che, diretto nell'ormai lontano 1987 da Joseph Ruben, finì per generare una trilogia ad alta tensione sul turbamento dell'american dream e l'indissolubilità della famiglia meritevole di una riscoperta.

The stepfather-Il patrigno (The stepfather, Gran Bretagna-USA 1987)

Come ogni bravo papà al mattino, un uomo, davanti allo specchio del bagno, si rade la barba e provvede a sistemarsi per uscire dalla sua abitazione che, però, apprendiamo essere disseminata dei cadaveri dei suoi familiari.
Sceneggiato con maestria dal grande giallista Donald E. Westlake partendo da un soggetto scritto insieme a Carolyn Lefcourt e al Brian Garfield autore del romanzo che originò "Il giustiziere della notte", inizia così uno dei migliori thriller degli anni Ottanta, incentrato sulla figura di uno psicopatico con il pallino della famiglia perfetta, il quale usa sterminarla quando essa non si rivela tale.
Psicopatico cui concede anima e corpo l'ottimo Terry O'Quinn visto negli ultimi anni nella serie televisiva "Lost" e che, cambiando l'identità da Harry Morrison a Jerry Blake per evitare di essere individuato dalla polizia e dal fratello di una sua vittima, s'infila nella vita della vedova Shelley Hack e di sua figlia Jill Schoelen.
Quest'ultima, tra l'altro, divenuta all'epoca una figura fissa del filone ad alta tensione (qualcuno la potrà ricordare al fianco di un giovane Brad Pitt in "Cutting class-Il ritorno di Brian" di Rospo Pallenberg o con Robert Englund ne "Il fantasma dell'opera" di Dwight H. Little), venne premiata come migliore attrice sia a Sitges che presso il Cognac Festival du Film Policier proprio per la pellicola di Ruben, il quale, in fatto di thriller a sfondo familiare, si occupò sei anni dopo anche de "L'innocenza del diavolo", interpretato da un malefico Macaulay Culkin.
Ed è anche per merito della bella colonna sonora di Patrick Moraz se il film risulta gestito a dovere dal punto di vista della suspense, generando un crescendo emotivo destinato a sfociare nella furia omicida del folle protagonista, il quale, tra l'altro, si accanisce con ferocia sul sospettoso psicologo della figliastra.



Il patrigno 2 (Stepfather 2, Gran Bretagna-USA 1989)

Rinchiuso in un ospedale psichiatrico dopo essere stato ferito a morte dalla figliastra, il cosiddetto "killer delle famiglie" uccide un dottore e una guardia del posto e, evaso, si spaccia per lo psicoterapeuta Gene Clifford in un'altra città, dove si accasa con Meg Foster e il figlio interpretato dal compianto Jonathan Brandis, visto anche ne "La storia infinita 2" e "IT". Diretto dallo specialista in sequel Jeff Burr, autore nello stesso anno del terzo "Non aprite quella porta" e, successivamente, del quarto e quinto "Puppet Master", questo secondo episodio rimane bene o male fedele alla struttura su cui venne costruito il capostipite, anche se il numero delle vittime aumenta, a causa con ogni probabilità dell'influenza proveniente dal filone slasher, particolarmente in voga negli anni Ottanta.
D'altra parte, come vogliono anche le regole alla base dei sequel del cinema horror, una volta che il primo tassello ha provveduto a introdurre e descrivere a dovere le caratteristiche principali del boogeyman di turno, nei capitoli a seguire rimane solo da aggiungere qualche dettaglio sulla sua evoluzione e, soprattutto, puntare sull'intrattenimento derivato dagli effetti speciali di trucco sfruttati nell'inscenare le sue macabre imprese.
In ogni caso, Burr si mostra come di consueto abile nell'orchestrare il massacro a basso costo, che vede questa volta coinvolti anche l'ex marito della protagonista e una sua cara amica sospettosa nei confronti del nuovo pericoloso compagno, senza dimenticare analogie e riferimenti colti.
Basterebbe citare la sequenza in cui, durante lo scontro finale tra la donna e il killer, una statuina raffigurante due sposi finisce per frantumarsi a terra; oppure il fatto che, come in "M-Il mostro di Dusseldorf", capolavoro dell'Espressionismo tedesco firmato nel 1931 da Fritz Lang, l'assassino viene scoperto grazie alla testimonianza di un cieco che lo ha sentito fischiettare dopo l'ennesimo omicidio.



In casa con il nemico (Stepfather 3, Gran Bretagna-USA 1992)

Complice una plastica facciale, il killer delle famiglie non ha più il volto di Terry O'Quinn ma quello di Robert Wightman, il quale, trovato lavoro come giardiniere sotto il nome Keith Grant, mira a costruire la sua nuova perfect family con Priscilla Barnes e il figlio paraplegico David Tom, appassionato d'indagini via computer e amico di un sacerdote che lo supporta nelle sue imprese di "detective amatoriale".
E destinato ovviamente a finire tra le nuove vittime dell'omicida in questo terzo "Stepfather" che, concepito per il piccolo schermo e conosciuto anche con il titolo "Stepfather 3: Father's day", risulta in maniera sorprendente come il maggiormente violento e splatter della serie, conforme ancor più del precedente episodio agli stilemi dello slasher-movie.
Non a caso, mai distribuito in vhs e dvd dalle nostre parti, ha goduto soltanto di qualche passaggio televisivo in versione privata il più delle volte, però, di ben dieci minuti di sanguinose sequenze, a partire dalla lunga operazione chirurgica (a quanto pare vera) d'apertura.
Un vero peccato, perché, nonostante l'assenza di Terry O'Quinn si faccia in parte sentire, la pellicola diretta dall'egiziano Guy Magar, autore cinque anni prima del tutt'altro che disprezzabile "Retribution-L'ultimo incubo", chiude a dovere la trilogia, grazie anche a una buona sceneggiatura non priva d'interessanti intuizioni, miscelando a dovere la suspense e i momenti di omicidio.
Momenti che - almeno nella versione integrale - includono un rastrello da giardino conficcato in gola e uno sgozzamento tramite segaossa.

Francesco Lomuscio

FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Martin Eden | Aquile randagie | 5 è il numero perfetto | La Scomparsa di mia Madre | C'era una volta...a Hollywood | Virgin Mountain | Il Bambino è il Maestro - Il Metodo Montessori | Ad Astra | The Front Runner - Il Vizio del Potere | Il traditore | Effetto Domino | Solo cose belle | Roger Waters Us + Them | Non ci resta che vincere (V.O.) | Nureyev - The White Crow | Mademoiselle | Brave ragazze | Sir - Cenerentola a Mumbai | Apocalypse Now | Le verità | La fattoria dei nostri sogni | Momenti di trascurabile felicità | Il Signor Diavolo | La vita invisibile di Eurídice Gusmão | La vita invisibile di Eurídice Gusmão (V.O.) | La mafia non è più quella di una volta | Manta Ray (V.O.) | Tutti lo sanno | Il Sindaco del Rione Sanità | Bentornato Presidente! | Fiore gemello | Psicomagia - Un'arte per guarire | Il professore e il pazzo | Attacco al potere 3 - Angel Has Fallen | Cold war | Apocalypse Now - Final Cut | Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre | Dora e la città perduta | Weathering With You | Apocalypse Now - Final Cut (V.O.) | Zen sul ghiaccio sottile | La mafia uccide solo d'estate | Arrivederci Professore | A spasso col panda | Le verità (2017) | E Poi c'è Katherine | Quel giorno d'estate | Sergio e Sergej - Il professore e il cosmonauta | Io, Leonardo | Gemini Man (V.O.) | Lou Von Salomé | Dolor y Gloria | Vivere | Fast & Furious - Hobbs & Shaw | Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (NO 3D) | L'uomo che volle vivere 120 anni | At the Matinée | Gemini Man (NO 3D) | Rambo: Last Blood | Non succede, ma se succede... | Shaun, Vita da Pecora - Farmageddon Il Film | L'amour flou - Come separarsi e restare amici | Pepe Mujica, una vita suprema | Manta Ray | Serenity - L'isola dell'inganno | I migliori anni della nostra vita | Mio fratello rincorre i dinosauri | Cyrano mon amour | Il Piccolo Yeti | Non succede, ma se succede... (V.O.) | Drive me Home | Il vizio della speranza | Joker | La donna elettrica | Nato a Xibet | I Figli del Fiume Giallo | Tutta un'altra vita | Tolkien (V.O.) | Burning - L'Amore Brucia | Rosa | Yesterday | Ma cosa ci dice il cervello | Non si può morire ballando | Joker (V.O.) | Ad Astra (V.O.) | Thanks! | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Gemini Man | Il Pianeta In Mare | Il Re Leone (NO 3D) | The Rider - il sogno di un cowboy | Le verità (V.O.) | Gloria Bell | It - Capitolo due | Antropocene - L'epoca umana | Hole - L'Abisso | Tuttapposto | Appena un minuto | Domani è un altro giorno | Ti Porto Io |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Scary Stories to Tell in the Dark (2019), un film di André Øvredal con Zoe Margaret Colletti, Michael Garza, Austin Zajur.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: