24 Novembre 2005 - Conferenza Stampa
"Transporter: Extreme"
Intervista all'attore Alessandro Gassman.
di Andrea D'Addio


Che un attore italiano presenti un film straniero facilmente classificabile come blockbuster non è cosa di tutti giorni. Lo sappiamo noi e lo sa Alessandro Gassman, che in "Transporter. Extreme" prima che comincino le domande avverte la platea: "Dovete scusarmi ma non conosco bene l'italiano, quindi per cortesia parlate lentamente". Il clima si fa subito rilassato...

Come sei finito in questa produzione?
Alessandro Gassman: Purtroppo adesso per un attore italiano è quasi un evento partecipare a produzioni di questo tipo, un tempo non era così. Mi trovavo a Parigi per le riprese di un altro film, quando mi ha chiamato il mio agente dicendo che Luc Besson stava cercando un attore per la parte di un cattivo in un film d'azione. Ho pensato che come al solito fosse inutile anche andarci visto che noi europei quasi mai veniamo coinvolti in queste storie. Comunque sia ci sono andato, e dopo cinque provini sono stato scelto. Per fortuna che all'estero ancora esistono i provini, è l'unico criterio meritocratico che ci sia per la scelta di un attore.

Come è stata questa esperienza fuori dai nostri confini?
Alessandro Gassman: Mi sono molto divertito. E' stata l'occasione per un attore europeo di vedere come girano questi film gli americani. Set, tempi di lavorazione, persone sul set, c'è un'organizzazione immensa. Sono stati quattro mesi di lavorazione, di cui tre a Miami. Nel frattempo sono passati ben quattro uragani. Noi stavamo in un albergo bellissimo, un giorno mi sono svegliato, mi sono affacciato dalla finestra e non si vedeva nessuno in giro, né c'era il minimo rumore. Preoccupato di corsa sono sceso alla reception per chiedere se stava per passare un altro uragano, ed invece ho scoperto che visto che quella mattina avremmo girato delle scene proprio lì vicino all'hotel, allora ben sei isolati della città erano stati bloccati. Poi ho notato che alcuni piccoli autobus passavano lo stesso per le strade, ho chiesto spiegazioni e mi hanno detto che quelli facevano parte della scenografia. In poche parole ogni due minuti tre bus si alternavano a fare lo stesso giro per le strade del quartiere in "loop", in modo che si potesse sempre girare la scena, senza che si perdesse tempo per la preparazione. Per le luci è stato lo stesso: grazie a un "lighting" potente eravamo liberi di girare sempre, in ogni momento della giornata. Un giorno poi è accaduto il massimo: sul set c'è stata una sorta di rivolta dei macchinisti perché era finita la Coca-Cola Light.

Per girare le scene d'azione ti sei fatto sostituire spesso da una comparsa?
Alessandro Gassman: No, quasi mai visto che per girare quelle scene ti riempiono di comfort e apparecchiature particolari come tiraggi, materassini, tute imbottite- Così è tutto più semplice. Poi io essendo il capo dei cattivi non dovevo proprio picchiare, ero più preposto a dare ordini che ad eseguirli. Comunque sia c'è da dire che all'inizio delle riprese mi chiesero se me la sentissi di girare le scene d'azione ricorrere agli stuntman. Non volendo fare la parte dell'attore italiano piagnone che si tira indietro gli ho risposto: No, da noi le facciamo sempre queste cose… Jason Statham invece le faceva senza problemi, lui è stato campione di tuffi, ed è piuttosto abituato a questo tipo di situazioni.

Il film è sicuramente sopra le righe….
Alessandro Gassman: Nel film tutto poi è fuori della realtà, il buono è più buono, il cattivo è più cattivo. Si tratta di un comics, non c'è verosimiglianza con la realtà. E' un "comic", tutto è spinto all'eccesso. E' film fatto per intrattenere. Non si prefigge di essere verosimile, ma solo di divertire. Certo il mio non è il tipo di ruolo che ti permette di recitare a tutto tondo ma per questo tipo di film è giusto che sia così Abbiamo avuto una guida straordinaria nel regista Louis Laterrier, per me avrà una carriera luminosa. Ha solo trentuno anni, ma sembra un veterano, bravissimo anche nella direzione degli attori.
Le scene d'azione le ha invece curate Cory Yuen, il regista del primo Transporter. Anche lui è stato bravissimo, ma ha un grandissimo limite: non conosce l'inglese. Così la sua era una guida onomatopeica: se dovevamo dare un cazzotto diceva Yatà (e mima il gesto del cazzotto), se era un ceffone Yatò, e cose del genere. Alla fine avevamo imparato a riconoscere le sue indicazioni, ma era sempre divertente ascoltarlo.

Che ne pensi del cinema americano?
Alessandro Gassman: Tutto il male e tutto il bene possibile. Gli States hanno fatto del cinema la loro seconda industria dopo la meccanica, è un vero business. Quel che loro hanno e noi no, è soprattutto l'organizzazione. Qualche anno fa sono stato giurato del Festival di cinema indipendente di Deuville. Ho visto film fatti con gli stessi budget di film nostrani, ma con una cura, un'attenzione per la sceneggiatura e per tutto il resto che qui quasi mai si trova. Certo poi spesso a livello di storie tendono ad essere ripetitivo, ma questo perché avendo la possibilità di fare investimenti che altrove non si possono fare, ripetono effetti speciali e situazioni già viste.Ma ne fanno di talmente tanti e talmente diversi, che è logico che siano i più appetibili per il pubblico.

Progetti futuri?
Alessandro Gassman: Sta per partire il mio debutto come regista in teatro, lo spettacolo s'intitola "La forza dell'abitudine", è di Thomas Bernhard. Lo porteremo in giro per l'Italia nella prossima stagione teatrale. Attualmente ho finito di girare "Non prendere impegni questa sera" diretto da Tavarelli con Zingaretti, Cescon, Tirabassi, Rocco Papaleo e Paola Cortellesei. Contemporaneamente ho anche terminato le riprese di "Codice Rosso", una fiction di dodici puntate che andrà in onda prossimamente su Canale 5 cui tengo molto, è serie d'azione con effetti speciali.Una cosa nuova per l'Italia.

FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Colette | Il dubbio - Un caso di coscienza | Museo - Folle Rapina A Città Del Messico | Non ci resta che vincere | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | Ride | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (V.O.) | Transfert | Un altro me | A Private War | Troppa grazia | Non ci resta che vincere (V.O.) | Don't Worry | Alpha - Un'amicizia forte come la vita (V.O.) | L'uomo che rubò Banksy | Il Banchiere Anarchico | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Chesil Beach - Il segreto di una notte | Widows - Eredità criminale | Macchine mortali (NO 3D) | First Man - Il primo uomo | Sono tornato | La profezia dell'armadillo | Terra Bruciata! il Laboratorio Italiano della Ferocia Nazista | Ovunque proteggimi | Se son rose | L'uomo sul treno - The Commuter | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Il Grinch (V.O.) | Sulle sue spalle | Bohemian Rhapsody | Le ereditiere | Isabelle | Io la conoscevo bene | Santiago, Italia | Visages villages | Notti magiche | Angel face | Le Fidèle (V.O.) | Sulla mia pelle | Ulysses: A Dark Odyssey | Opera senza autore | The Wife - Vivere nell'ombra | Sogno di una notte di mezza età | Roma (V.O.) | Alpha - Un'amicizia forte come la vita | Disobedience | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | Omicidio al Cairo (V.O.) | I Villani | Sergio e Sergej - Il professore e il cosmonauta | Macchine mortali | Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza | Separati ma non troppo | Lo schiaccianoci e i quattro regni (NO 3D) | Soldado | Il testimone invisibile | Colette (V.O.) | Un nemico che ti vuole bene | A Star Is Born | A Quiet Passion | Dancer | Gli Incredibili 2 (NO 3D) | L'ape Maia - Le olimpiadi di miele | Robin Hood - L'origine della leggenda | L'affido - Una storia di violenza | Un Affare di Famiglia | The Rolling Stones Olé, Olé, Olé! | Tutti in piedi | La prima pietra | Red Land (Rosso Istria) | Hell Fest | A Casa Tutti Bene | Un piccolo favore | Cold war | Up&Down - Un film normale | Il vizio della speranza | Tre volti | Lo sguardo di Orson Welles | Senza lasciare traccia | Soldado (V.O) | Millennium - Quello che non uccide | The Children Act - Il verdetto | L'apparizione | La donna dello scrittore | La Casa dei Libri | La fuitina sbagliata | La Casa dei Libri (V.O.) | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no | Insyriated | Roma | L'appartamento | Il Grinch (NO 3D) | Lontano da qui | Bohemian Rhapsody (V.O.) | Parigi a Piedi Nudi | Un giorno all'improvviso | Almost nothing - Cern: la scoperta del futuro | First Man - Il primo uomo (V.O.) | Il castello di vetro | Mary Shelley - Un amore immortale (V.O.) | Lo sguardo di Orson Welles (V.O.) | Il complicato mondo di Nathalie | Il mistero della casa del tempo | Halloween | Menocchio | Tully | Moschettieri del Re - La penultima missione | Tonya | Non dimenticarmi | My Name Is Adil | La pelle dell'orso | Morto tra una settimana... o ti ridiamo i soldi | Estate 1993 | Conta su di me | I Misteri di Ichnos - La Strega di Belvì | Alpha - Un'amicizia forte come la vita (NO 3D) | Richard - Missione Africa | Conversazioni Atomiche | Il settimo sigillo | Renzo Piano: l'architetto della luce | Dinosaurs | La casa delle bambole - Ghostland | Michelangelo - Infinito | Styx | Girl | Ti presento Sofia | Una storia senza nome | L'appartamento (V.O.) | Il ragazzo più felice del mondo | Figlia mia | Corpo e anima | La donna elettrica | L'atelier | Papa Francesco - Un uomo di parola | La Strega Rossella e Bastoncino | In guerra | La musica nel cuore | Tutti lo sanno |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Teaser trailer italiano (it) per Dragon Trainer - Il Mondo Nascosto (2019), un film di Dean DeBlois con Jay Baruchel, America Ferrera, Cate Blanchett.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: