Watchmen

Tutto sul film:   La Scheda/Trama, Recensione, Poster, Trailer


Watchmen

Pubblicato dalla DC Comics nel 1986, la stessa casa editrice di Batman e Superman, "Watchmen" è famoso soprattutto tra i veri appassionati dei comics americani e dell'arte fumettistica in genere. Partendo da presupposti verosimili, in esso si ipotizzava che in un presente alternativo e con una società allo sbaraglio, gente comune potesse indossare un costume, assumere una identità segreta e combattere il crimine dilagante per le strade. Veniva inscenata così una sorta di tragedia sulla caduta dell'eroe attraverso un plot a metà strada tra il noir e il fantastico.

Per concepire una ipotetica fine del mito dei supereroi, comunque, i creatori della graphic novel Dave Gibbons e Alan Moore ricorsero a uno escamotage tipico della narrazione "super eroistica". Ovvero far diventare uno dei protagonisti, il dottor Manhattan, una specie di semi dio a seguito di un esperimento scientifico andato storto.

Questo primo cortocircuito motivazionale, è solo la punta di un iceberg chiamato "Watchmen". Opera troppo complessa per essere riassunta e spiegata in poche righe.

Storia sul potere della politica e sulle utopie che la muovono, "Watchmen" basava la sua grafica e la sua narrazione sulla "simmetria". Nell'affermare ciò non ci riferiamo solo al capitolo V° della graphic novel, intitolato appunto "Paurosa simmetria", ma più in generale in tutta l'opera poteva accadere di meravigliarsi di come una vignetta ne richiamasse una precedente, oppure di come la disposizione grafica delle tavole, persino i dialoghi e le situazioni rappresentate, ne richiamassero altre precedenti in un gioco di rimandi simmetrici al limite del maniacale. Per fare un unico esempio della complessità di una tale operazione, basti dire che lo stesso potere del dottor Manhattan, quello cioè di poter vedere realtà alternative, richiamava concettualmente il background stesso della storia ambientata, per l'appunto, in un universo parallelo.

Insomma, un'opera complessa. Per molti un capolavoro. Per altri troppo ambiziosa. Certo è che "Watchmen" ha portato l'Arte fumettistica ai massimi livelli espressivi.

Nel contorto e monumentale processo di trascrizione semantica di "Watchmen" sul grande schermo, Zack Snyder tenta la strada della calcomania, rimanendo combattuto tra il rimanere fedele al testo e il re-interpretarlo, attualizzandolo, ai giorni nostri. Nel fare ciò, Snyder pecca di insicurezza e, pur rimanendo fedele a quell'immaginario, apporta delle modifiche sostanziali con esiti piuttosto discutibili.





La prima di queste (chiamiamole) scelte, è quella di voler rendere spettacolare un fumetto che non lo era affatto. Così esaspera le (poche) situazioni di azione presente nel comic e re-interpreta i personaggi principali. Nel fumetto, goffi uomini senza super poteri, nel film uomini e donne dai costumi sgargianti e dalle capacità sovraumane. Lottano, saltano, compiono acrobazie che nel fumetto non avremmo mai visto.
Per fare un esempio che riassuma il concetto, in una scena il Gufo Notturno e la bella Spettro di Seta II vengono aggrediti in un vicolo da un gruppo di balordi. Nel fumetto sono solo quattro gli assalitori e alla fine della colluttazione i due protagonisti ne escono piuttosto esausti; nel film il numero di malviventi viene moltiplicato almeno per tre, e i due protagonisti ne escono soddisfatti e per nulla affaticati. Inoltre si assiste a una maggiore attenzione per lo splatter e le scene di sangue, con una violenza che nel fumetto, tutt'al più, veniva solo evocata.
Stupisce, in quest'ottica, il caso del confronto finale. Nel fumetto il combattimento dura la fragilità di due tavole in cui un paio di manrovesci bastano a porre fine alle schermaglie. Nel film si assiste invece a una specie di combattimento alla "Matrix" decisamente poco in linea con i presupposti di realismo dettati dal fumetto.

Un'altra grande differenza tra i due "Watchmen" è in quella che per molti è considerata come la "scena madre" della storia. Ovvero, l'attacco della piovra gigante nel quartiere di Manhattan. Nel fumetto si arrivava alla scena, rappresentata in sei splash page, con un pathos da mozzare il fiato. Nel film la scena si "sgonfia" troppo velocemente e con minore energia che nel fumetto. Non solo, nella pellicola di Snyder si assiste anche a un mutamento della trama che fa intravedere un goffo buco di sceneggiatura.

Queste sono solo alcune delle cose che nel passaggio dal fumetto al film, e osservando con uno sguardo più critico, si sono perse. E di fronte a tali storpiature del testo - potremmo parlare ancora dell'esaltazione delle scene di sesso, o l'uso rapsodico delle musiche che spaziano da Simon and Garfunkel a Janis Joplin, senza però mai essere in sintonia con le scene in cui sono inserite, ma anche la differente resa dei costumi, in pellicola più simili ai supereroi dei comics - ci si rende conto che Snyder, ricalcando ciecamente la graphic novel, si sia dimenticato del cinema e della differente resa che le immagini e i tempi di narrazione hanno rispetto a un fumetto. C'è, insomma, uno sbagliato utilizzo semantico della traduzione da fumetto a cinema.

"Asimmetrico" rispetto all'opera originale, il "Watchmen" di Zack Snyder non riesce a trasmettere quelle emozioni che invece plasmavano, caratterizzandolo, il fumetto. Ci voleva più attenzione e, forse, un altro regista.

Diego Altobelli

FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Full Metal Jacket | Parlami di Lucy | Visages villages | The Post | Libere | Chiamami col tuo nome | Ricomincio da noi | La Tenerezza | Il labirinto del fauno | Il filo nascosto | Il giovane Karl Marx (V.O.) | Gli sdraiati | Una festa esagerata | Benedetta Follia | The Silent Man (V.O.) | Tomb Raider (NO 3D) | Insyriated | Oltre la notte | Detroit | Tonya | I Tenenbaum | Puoi baciare lo sposo | Rampage - Furia Animale (NO 3D) | Doppio amore | Youth - La giovinezza | Ghost Stories | Sicilian Ghost Story | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | Escobar - Il fascino del male (V.O.) | Il prigioniero coreano (V.O.) | Tony Cairoli the Movie | La Forma dell'Acqua - The Shape of Water | Il cratere | Ready Player One (V.O.) | A Casa Tutti Bene | Egon Schiele: Death and the Maiden | Metti la nonna in freezer | Roberto Bolle - L'Arte Della Danza | Succede | Bob & Marys - Criminali a domicilio | Cosi Vicini Cosi Lontani | Earth - La nostra terra | Pertini - Il Combattente | Alla ricerca di Dory (NO 3D) | Poesia senza fine | Earth - Un giorno straordinario | Peter Rabbit | Raffaello - Il Principe Delle Arti (NO 3D) | E' arrivato il Broncio | L'Insulto | Coco (NO 3D) | Escobar | Nella tana dei lupi | La luce sugli oceani | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Tonya (V.O.) | Molly's game (V.O.) | Ready Player One | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Game Night - Indovina chi muore stasera? | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Le Avventure acquatiche di Steve Zissou | Van Gogh - Tra Il Grano E Il Cielo | Ferdinand (NO 3D) | Maria Maddalena (V.O.) | Il Premio | The Disaster Artist | Le Guerre Horrende | Anime nere | Hostiles - Ostili | Un amore sopra le righe | Quanto basta | Il Tuttofare | La Forma dell'Acqua - The Shape of Water (V.O.) | Molly's game | Nelle pieghe del tempo (NO 3D) | Il ragazzo invisibile - Seconda generazione | Il mistero di Donald C. | L'ultimo viaggio | Il Truffacuori | Black Panther (NO 3D) | Animali Fantastici e Dove Trovarli (NO 3D) | Un sogno chiamato Florida | Morto Stalin se ne fa un altro | Ex Libris : New York Public Library | Van Gogh - La Grande Arte al cinema | Tutto quello che vuoi | Il prigioniero coreano | Un giorno questo dolore ti sarà utile | Gringo | Ready Player One (NO 3D) | Tre manifesti a Ebbing, Missouri | The Party | Il mio nome è Thomas | L'Amore secondo Isabelle (V.O.) | Quello che non so di lei | Sconnessi | Kong: Skull Island (NO 3D) | Lady Bird (V.O.) | The Lodgers - Non infrangere le regole | Nome di donna | Il sole a mezzanotte | L'ora più buia | Io c'è | La Sabbia negli Occhi | La terra buona | Il Viaggio delle Ragazze | Lasciati Andare | The Constitution - Due insolite storie d'amore | Maria by Callas | Petit Paysan - Un eroe singolare | The Happy Prince | Pacific Rim - La rivolta (NO 3D) | Il giovane Karl Marx | Ore 15:17 - Attacco al treno (V.O.) | Last Men in Aleppo | I segreti di Wind River (V.O.) | Sherlock Gnomes | Rabbit School - I guardiani dell’Uovo d’Oro | Wonder | Visages villages (V.O.) | A Quiet Place - Un Posto Tranquillo | Escobar - Il fascino del male | Fiore ribelle | Maria Maddalena | I primitivi | Napoli velata | Cure a domicilio | Rampage - Furia Animale | Star Wars: Gli ultimi Jedi (NO 3D) | Foxtrot - La Danza del Destino | The Happy Prince (V.O.) | Ore 15:17 - Attacco al treno | I segreti di Wind River | Novecento | La Casa Sul Mare | Quello che so di lei | Charley Thompson | Io sono Tempesta | Lady Bird | The Silent Man | La Casa Sul Mare (V.O.) | Contromano | L'Amore secondo Isabelle | La forza del destino - Verdi | The Constitution - Due insolite storie d'amore (V.O.) | Veleno |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Nato a Casal di Principe (2017), un film di Bruno Oliviero con Donatella Finocchiaro, Alessio Lapice, Massimiliano Gallo.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: