Leonardo.it


La casa del diavolo
A quasi un anno dall'uscita nelle sale statunitensi finalmente arriva anche in Italia "La Casa del Diavolo", scritto e diretto da Rob Zombie, già autore de "La Casa dei 1000 corpi" (2003). In effetti la "Casa del diavolo" riprende le gesta della famiglia Firefly, un gruppo di efferati serial killer responsabili di un numero imprecisato di rapimenti ed omicidi a sfondo rituale e sessuale. Ma in questo caso i Firefly, guidati anche stavolta dal Capitano Spaulding (Sid Haig) sono le prede e non i cacciatori. Lo sceriffo Wydell li insegue implacabilmente per vendicare la morte del fratello.

"La casa dei 1000 corpi" già aveva imposto il Rob Zombie regista all'attenzione del pubblico e della critica, anche se il musicista aveva comunque diretto alcuni videoclip per i White Zombie e poi per se stesso una volta intrapresa la carriera di solista. Anche la sua musica si caratterizza per il suo forte legame con il cinema horror (si noti l'abbondanza di campionature dalle pellicole che evidentemente ama di più). Tanto per fare un esempio basti citare il video di "Living dead girl" con riferimenti che spaziano dal "Gabinetto del Dottor Caligari" (1920) fino a "Wes Craven" (La casa sulla collina, 1972) e oltre. Ma "La Casa dei 1000 corpi" nella sua fantasmagoria per certi aspetti sembrava il risultato di una giustapposizione di video musicali, incubi ed impressioni da viaggio narcotico. Questo limite viene superato completamente ne "La Casa del Diavolo", un film on the road, una lunga resa dei conti tra la famiglia Firefly (evidentemente ispirata alla famiglia Hewitt del "Texas Chainsaw Massacre" di Tobe Hooper) e lo sceriffo Wydell, in un clima che sembra evocare le atmosfere del cinema di Sam Peckinpah, ed in particolar modo Pat Garrett & Billy the Kid, film violento, sensuale e permeato da un sentore di morte che aleggia incombente su tutti i personaggi. Qui questo alone è amplificato da elementi appartenenti al mondo dell'occulto, tra cui spicca in particolare la testa di maiale in putrefazione all'entrata della fattoria dei Firefly, che ricorda la manifestazione di Belzebub nel "Signore delle mosche", il romanzo di William Golding uscito nel 1954.

"La Casa del diavolo" a livello visuale è molto legato agli anni '70 nelle luci, nei colori, nelle transizioni secche e meccaniche nella loro essenzialità, così come pure la colonna sonora, sospesa tra impressioni country e rock anch'esso anni '70. Indimenticabile la lunga sequenza finale sulle note di "Free Bird" di Lynyrd Skynyrd, che sembra discendere come la spada di un arcangelo. E ricorda allo stesso tempo le note di Bob Dylan in Billy the Kid: "Billy, non vogliono che tu sia libero".

Ma "La Casa del Diavolo" non è soltanto un film sulla vendetta, è anche uno splatter (molto moderato per la verità) ed è comunque permeato dalla grottesca ironia che aveva caratterizzato la prima opera di Rob Zombie, con dialoghi che sono destinati a diventare memorabili nella loro allegra crudezza. Una delle scene più belle è quella in cui viene interpellato un critico cinematografico (Captain Spaulding è il nome di un personaggio di Groucho Marx), personaggio quanto mai ridicolo ed inutile nelle sue conoscenze delle varie interconnessioni cinematografiche. "Di certo la tua conoscenza delle stronzate è illimitata" è la frase che si sente dire dallo sceriffo Wydell. Nel cast si può notare la presenza di numerosi caratteristi immediatamente riconoscibili tra cui spicca (in tutti i sensi) Matthew McGrory, il gigante di "Big Fish" e di "Carnivale" scomparso nel 2005. È perfettamente inutile affermare che come pellicola di genere "La Casa del Diavolo" è destinato a diventare un cult-movie. Lo è già.

La frase: "Sarà meglio che la prossima cosa che dici sia una frase di Mark Twain, perché la inciderò sulla tua tomba!"

Mauro Corso

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
The Teacher | Le cose che verranno - L'avenir | Nocedicocco - Il piccolo drago | Il segreto | Michelangelo - Amore e Morte | San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D | Il palazzo del Viceré | Lady Macbeth | Jukai - La foresta dei suicidi | Ombre della Sera | Alamar | LEGO Batman Il Film | Eraserhead - La mente che cancella | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | Blade Runner 2049 (V.O.) | Made in China Napoletano | A Ciambra | Moglie e marito | Il contagio - The Contagion | Quello che so di lei | Blade Runner 2049 (NO 3D) | L'incredibile vita di Norman | Home | Koudelka fotografa la Terra Santa | Veleno | Safari (V.O.) | It (V.O.) | Manchester by the Sea | Blade Runner - The Final Cut | L'ordine delle cose | L'altra metà della storia | Easy - Un viaggio facile facile | Silence | La storia dell'amore | Madre! | On the Milky Road - Sulla Via Lattea | Mal di pietre | Dove non ho mai abitato | Ascensore per il patibolo | Anime nere | Sicilian Ghost Story | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Appuntamento al parco | Fortunata | Una Vita, Une vie | Tiro libero | Parigi può attendere | L'equilibrio | Nove lune e mezza | 2 biglietti della lotteria | Emoji - Accendi le Emozioni (NO 3D) | Renegades - Commando d'assalto | Il Viaggio - The Journey | Noi Siamo Tutto | Lego Ninjago Il Film (NO 3D) | Cars 3 (NO 3D) | Mister Felicità | La vita in comune | Blow-up | It | Gabo - Il mondo di Garcia Marquez | Paulette | Sognare è Vivere | Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse | Alibi.com | Un appuntamento per la sposa | Sarà il mio tipo? e altri discorsi sull'amore | Il diritto di contare | La Tenerezza | Emoji - Accendi le Emozioni | Lego Ninjago Il Film | 120 battiti al minuto | L'intrusa | Ammore e malavita | L'inganno | On air - Storia di un successo | ...E ora parliamo di Kevin | Il colore nascosto delle cose | Lion - La strada verso casa | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | La battaglia dei sessi | Gatta Cenerentola | La Villa | Lasciati Andare | Un paese quasi perfetto | Sole, cuore, amore | Una famiglia | Walk with Me | Adorabile nemica | Babylon Sisters | L'uomo dai mille volti | Come ti ammazzo il bodyguard | Aeffetto Domino | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Kong: Skull Island (NO 3D) | Io Danzerò | Amore e inganni | Blade Runner 2049 | Libere, disobbedienti, innamorate - In Between | Una doppia verità | L'uomo di neve (V.O.) | Aspettando il Re | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Dunkirk | Barry Seal - Una storia americana | Chi m'ha visto | 40 sono i nuovi 20 | Tutto quello che vuoi | L'uomo di neve | Nico, 1988 | La fratellanza | Un profilo per due | Civiltà perduta | Tra cinque minuti in scena | Agnus Dei | La vendetta di un uomo tranquillo | Kingsman - Il cerchio d'oro (NO 3D) |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Porto il velo adoro i Queen (2016), un film di Luisa Porrino con Sumaya Abdel Qader, Batul Hanife, Takoua Ben Mohamed.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: