FilmUP.com > Recensioni > La favorita
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

La favorita

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Francesco Pozzo22 gennaio 2019Voto: 8.0
 

  • Foto dal film La favorita
  • Foto dal film La favorita
  • Foto dal film La favorita
  • Foto dal film La favorita
  • Foto dal film La favorita
  • Foto dal film La favorita
Il cinema di Yorgos Lanthimos è sempre stato un cinema della crudeltà e della prevaricazione, un asettico ed astratto gioco al massacro che ha raggiunto con Kynodontas e Il sacrificio del cervo sacro vette di acredine e bellezza sofoclee. Tuttavia, al di là del congelamento emotivo e sotto questo mai celato strato cinico e glaciale che ricorda a tratti i capolavori di Haneke e Fassbinder e che viene troppo spesso additato come fasullo e meramente provocatorio, hanno sempre covato temi ed istanze molto più complesse e propulsive, in primis una clinica riflessioni sui rapporti fra gli individui e un’osservazione entomologica di sfumature e miserie umane che accomunano inevitabilmente e tragicamente noi tutti, e La Favorita (primo film che il greco non scrive) è in questo senso abbastanza paradigmatico.
Due carrelli in particolare esemplificano alla perfezione questo concetto: uno in avanti, sul volto sofferente della flaccida e straziata regina Anna della monumentale Olivia Colman mentre cede lentamente alle lacrime vedendosi privata dell’oggetto della sua passione impegnato con qualcun altro in un lussureggiante ballo in maschera, e l’altro, all’indietro e nel buio della notte, quando i ruoli si ribaltano sovvertendo magistralmente la narrazione e l’oggetto del suo desiderio, questa volta, vede qualcosa che non avrebbe voluto crollando anch’esso sotto il peso di contrastate e martorianti emozioni.

Meraviglioso triangolo amoroso in 35mm sulle umane debolezze e sulle azioni spesso brutali che siamo disposti a compiere in nome del potere e dell’adempimento dei nostri desideri più biechi e inconfessati, il sublime e sferzante sesto film di Lanthimos, tenero e crudele al tempo stesso ma ammantato questa volta di un’ironia geniale e penetrante, cela sotto lo strato di fango algido e sgradevolmente pungente tipico del maestro greco un cuore grande come una reggia settecentesca, centro nevralgico di un’opera lussuosa come un quadro di Rubens che indaga l’ambivalenza dei sentimenti e la poliedricità del dolore scandagliando abilmente i moti dell’anima di tre anime fragili e irrequiete: quella della bulimica regina perduta ed emotivamente distrutta, smarrita e caracollante fra le mura del palazzo fra gelosie e intrighi di corte con l’unica speranza rappresentata dai diciassette conigli che equivalgono ai figli perduti, quella della sensuale e risoluta Lady Sarah Churchill (Rachel Weisz, magnifica) che la manovra come una marionetta sussurrandole anche quelle cose sgradevoli che non vorremmo mai sentirci dire e che forse, proprio per questo, dimostra di amarla realmente, e quella della scheggia impazzita della scaltra ex sguattera Abigail Masham (Emma Stone, sublime), creatura vilipesa che ama definirsi sempre e solo dalla sua parte e che lotterà fino all’ultima goccia di sangue per rivendicare la propria posizione nel mondo ed ottenere ciò che brama per il suo futuro.

“Sono capace di tutto”, asserisce infatti a un certo punto adattandosi alla malvagità dell’universo che la circonda e in cui è cresciuta arrivando lei stessa a manipolare e a soggiogare i suoi nemici, è questa forse la verità ultima dei protagonisti di questo bellissimo film e di molti dei personaggi del cinema di questo regista estremo e intelligente che esplora affetti ed emozioni viscerali tramite la sottile arte del controllo riflettendo ancora una volta con un sorriso sardonico ed abrasivo sull’importanza dell’amore e dei legami sociali e familiari che caratterizzano le nostre vite ritraendo gelidamente invidie e rancori che si celano dentro ognuno di noi e che rendono amori e passioni giochi insidiosi e financo mortali, un processo sagacemente sviluppato fin dai primi cortometraggi con coerenza e potenza invidiabili e che raggiunge oggi, supportato da un cast in stato di grazia, il culmine assoluto di un pensiero e di uno stile unici nel panorama cinematografico odierno.

C’è in questo film una leggerezza del tocco, una giustezza dello humor velenoso e un equilibrio prodigioso fra le parti di ogni singolo capitolo e nel modo in cui gli ambienti dell’azione si amalgamano perfettamente al setting che lascia sinceramente esterrefatti, ed era da tempo che non si vedeva una pellicola così visivamente fastosa e geometricamente perfetta, così armoniosamente bella e sontuosa ma sempre leggera come l’aria e libera d’indagare fra una cavalcata all’aperto e un ballo a lume di candela sentimenti ed egoismi dell’umana condizione con un virtuosismo arioso e sorprendente, un capolavoro di messinscena e un piccolo miracolo di grande cinema che ci ricorda incorniciando le sue sgradevoli ed imperfette creature con i suoi grandangoli ed obiettivi ad occhio di pesce che siamo tutti intrappolati nelle contraddizioni del cuore e nella grande farsa della vita, schiavi delle nostre manie e vittime dei ruoli che cuciamo su noi stessi o che gli altri ci impongono, patetici predatori o perversi maniaci del controllo sempre pronti a sopraffare il prossimo e costantemente inclinati a cadere vertiginosamente in basso per sovvertire la nostra condizione e la precarietà dei nostri destini, e mai scelte stilistiche furono più azzeccate per rappresentare al meglio la profonda inconciliabilità alla base di persone che pensano di controllare la vita ma ne restano inesorabilmente e tragicamente sopraffatte.

E la triplice dissolvenza finale è un qualcosa di una bellezza lacerante.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Ancora auguri per la tua morte | Old Man & the Gun | Copia originale (V.O.) | Il professore e il pazzo | Un uomo tranquillo | Quello che veramente importa | Il primo re | Santiago, Italia | Tutti lo sanno | Green book (V.O.) | Troppa grazia | Mia e il Leone Bianco | In guerra | La favorita (V.O.) | Captain Marvel (NO 3D) | I villeggianti (V.O.) | Le nostre battaglie | Gloria Bell | L'albero dei frutti selvatici | Euforia | La paranza dei bambini | Nelle tue mani | In the Same Boat | Il viaggio di Yao (V.O.) | Un Viaggio Indimenticabile | Il disprezzo | Boy Erased - Vite cancellate (V.O.) | Boy Erased - Vite cancellate | Peppermint - L'Angelo della Vendetta | Tonya | Il professore cambia scuola | Border - Creature di confine | The Reunion | Se la strada potesse parlare (V.O.) | Dragon Trainer - Il Mondo Nascosto (NO 3D) | La Casa Sul Mare | Sofia | La promessa dell'alba | Instant Family | A Star Is Born | Un Viaggio Indimenticabile (V.O.) | Ben Is Back | Ricordi? | Escape Room | La Casa di Jack | Almost nothing - Cern: la scoperta del futuro | Scappo a casa | Bohemian Rhapsody | Genesis 2.0 | 7 uomini a mollo | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Land | Se la strada potesse parlare | I bambini di Rue Saint-Maur | Parlami di te | Il gioco delle coppie | Free Solo | Diabolik sono io | Captain Marvel | Il colpevole - The Guilty | Il Corriere - The Mule | The Lego Movie 2: Una Nuova Avventura (NO 3D) | Suspiria | Likemeback | C'era una volta il Principe Azzurro | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità | Il Venerabile W. (V.O.) | L'agenzia dei bugiardi | 9 dita | Il filo nascosto | Dafne | Digitalife | La conseguenza (V.O.) | I villeggianti | Vice - L'uomo nell'ombra | Io, Daniel Blake | La notte è piccola per noi - Director's Cut | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Modalità aereo | Sofia (V.O.) | Non ci resta che il crimine | Maria, Regina di Scozia | Cold war | Alexander McQueen - Il genio della moda | Jules e Jim (V.O.) | Benvenuti a Marwen | Il Venerabile W. | Domani è un altro giorno | Momenti di trascurabile felicità | Morto tra una settimana... o ti ridiamo i soldi | Disobedience | Asterix e il Segreto della Pozione Magica | Sara e Marti - Il Film | Il professore e il pazzo (V.O.) | L'affido - Una storia di violenza | Un viaggio a quattro zampe | Mountain | Roma | The Front Runner - Il Vizio del Potere | Un valzer tra gli scaffali | Croce e Delizia | Alita: Angelo della battaglia (NO 3D) | Jules e Jim | The Front Runner - Il Vizio del Potere (V.O.) | Green book | Copia originale | Kusama: Infinity | Cosa piove dal cielo? | La favorita | Copperman | The Children Act - Il verdetto | Non ci resta che vincere (V.O.) | The Wave - L'Onda | La vita in un attimo | Il sale della terra | A un metro da te (V.O.) | Mamma + Mamma | Butterfly | L'uomo che uccise Don Chisciotte | 10 giorni senza mamma | Non sposate le mie figlie 2 | Opera senza autore | Gauguin a Tahiti - Il paradiso perduto | Peterloo | La mia seconda volta | L'eroe | Lontano da qui | L'appartamento | La douleur | Peterloo (V.O.) | Ed è Subito Sera | C'è tempo | La conseguenza | La Gabbianella e il Gatto | Gli uccelli | Girl | Bohemian Rhapsody (V.O.) | A un metro da te | 1938 - Diversi | The Vanishing - Il Mistero del Faro | Un giorno all'improvviso | Peppermint - L'Angelo della Vendetta (V.O.) | Un marito a metà | Captain Marvel (V.O.) | Cocaine - La vera storia di White Boy Rick | Dove bisogna stare | My Hero Academia The Movie - Two Heroes | Dragon Ball Super: Broly - Il Film |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Border - Creature di confine (2018), un film di Ali Abbasi con Eva Melander, Eero Milonoff, Jörgen Thorsson.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: