Leonardo.it


The new world - Il nuovo mondo
Dopo sette anni, tempo cinematograficamente lungo ma cortissimo se consideriamo i vent'anni che intercorrono tra il secondo e il terzo film del regista de "La sottile linea rossa", Terrence Malick torna nuovamente dietro la macchina da presa, e ci presenta alla sua maniera una favola nota al grande pubblico, quella dell'amore impossibile tra una giovane e bellissima indiana d'America e John Smith, capitano delle guardie di sua maestà. Il pretesto narrativo è banale e conosciuto, eppure, come ha di recente insegnato il King Kong di Peter Jackson, pieno di una vitalità e di uno smalto che lo rendono comunque nuovo e degno d'essere raccontato.
Il regista dell'Illinois sfoggia tutta la sua arte e la sua tecnica al meglio delle proprie possibilità, dando un'impronta autoriale al film riconoscibile fra mille altre, costruendo sulla voice-off e sulla fotografia (quest ultima coadiuvata dalle splendide location) tutto l'impianto visivo e narrativo del film. Un film che alla prima visione lascia un sapore agrodolce, il sapore di una pellicola costruita sul linguaggio delle immagini più che su quello delle parole, ma che del parlato non può fare a meno, attraversata com'è da una profonda e penetrante voce fuori campo per tutto il corso della sua durata. Il tentativo di Malick è quello di dar voce ai pensieri dei suoi personaggi, di sviscerare quel che l'immagine lascia solamente intuire, non cadendo mai in una pedanteria didascalica, ma fornendo spunti per ulteriori letture del girato.
Tutto il film è architettato secondo morbidi e ponderati contrasti: quello fra musica e immagine, quello tra montaggio e movimento di macchina, quello tra luci, ombre e penombre, ma anche diegeticamente, tra due culture differenti, tra natura selvaggia e inurbamento, tra volontà costruttiva e risultanze distruttive. Il tutto concorre al dipanarsi di una storia d'amore che costituisce insieme il fulcro del film, e un suo contorno marginale.
Fulcro perché motore dell'affresco del regista, perchè vicenda unica e totalizzante di tutto il girato, tant'è che dello svolgersi degli avvenimenti, di certo complesso e articolato, non è dato sapere che qualche elemento funzionale e necessario per scorgere l'evoluzione del rapporto tra i due protagonisti, rimanendo tutto il resto vago e, dove più dove meno, sostanzialmente indefinito.
Contorno marginale perché la polisemia di senso del film contribuisce a renderla mero pretesto per parlare di ieri per parlare di oggi, in un rincorrersi di linguaggi visivi che affascinano e, a tratti, disorientano.
L'ambientazione quasi totalmente "yankee" (solo qualche sequenza è ambientata nei palazzi inglesi) contribuisce a dare spessore alla figura di una nuova civiltà nascente, ricca della propria cultura, dei propri usi e del proprio modus vivendi che va in cerca del confronto/scontro con chi di cultura, di usi e di modus vivendi ne ha già uno proprio. Come non leggervi una denuncia, splendida e sottile, di un atteggiamento fin troppo comune nel panorama odierno. Denuncia mitigata però da un giudizio attento al non fare di tutt'erba un fascio, a porre i propri distinguo e le proprie valutazioni non generiche.
Un film politico, dunque, da un certo punto di vista, un film storico, drammatico. Una storia d'amore. Tante le chiavi di lettura, e ancor più i livelli di lettura impressi nelle singole sequenze, nelle singole immagini.
E paradossalmente, un film che identifica i suoi punti deboli negli aspetti che contribuiscono a imprimergli carisma e fascino. Un montaggio non sempre lineare, un uso del voice-off a volte fuori le righe, una musica troppo invasivamente protagonista di molte sequenze.
Forse, tra i pochi film di Malick, quello più in affanno. Ma pur sempre enormemente al di sopra della media di qualunque altra cosa si possa trovare in sala.

La frase:
"Hai trovato le tue Indie John?.....Le troverai"
"Forse le ho ormai superate…"

Pietro Salvatori

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Easy - Un viaggio facile facile | The Paris Opera | Oltre i confini del male - Insidious 2 | 50 Primavere | Essere Gigione - L'incredibile storia di Luigi Ciaravola | Benedetta Follia | Due sotto il burqa | Aspettando il Re | La signora dello zoo di Varsavia | A Ciambra | L'inganno | Natale da Chef | Bastille Day - Il colpo del secolo | L'Insulto | Loving Vincent | Lasciati Andare | Tir | Gli sdraiati | Alla ricerca di Van Gogh | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | L'Atalante | Il ragazzo invisibile - Seconda generazione | Insidious: L'ultima chiave | Il vegetale | The Midnight Man | L'altro volto della speranza | Ritorno in Borgogna | Slam - Tutto per una ragazza | Tre manifesti a Ebbing, Missouri (V.O.) | Il Premio | Anime nere | Il senso della bellezza | Wonder | Un tirchio quasi perfetto | Barbiana '65 | Napoli velata | My Generation | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | Morto Stalin se ne fa un altro (V.O.) | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Kong: Skull Island (NO 3D) | Appuntamento al parco | La ruota delle meraviglie | Ballerina | A Casa Nostra | L'ora più buia | Dickens - L'uomo che inventò il Natale | Borg McEnroe | Amori che non sanno stare al mondo | Loveless | Human Flow | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Gatta Cenerentola | Nove lune e mezza | Leo da Vinci - Missione Monna Lisa | In guerra per amore | Star Wars: Gli ultimi Jedi (NO 3D) | Ferdinand (NO 3D) | The Place | Lady Macbeth | Poveri ma ricchissimi | L'esodo | Maurizio Cattelan: Be Right Back | The Greatest Showman | Ella & John - The Leisure Seeker | Assassinio sull'Orient Express | Noi Siamo Tutto | Poesia senza fine | Un sacchetto di biglie | Vista Mare | Smetto quando voglio - Ad Honorem | Jumanji: Benvenuti nella Giungla | Assolo | Suburbicon (V.O.) | Rams - Storia di due fratelli e otto pecore | Manchester by the Sea | L'incredibile vita di Norman | Coco | Come un gatto in tangenziale | Billy Lynn: Un giorno da eroe | Star Wars: Gli ultimi Jedi | Safari | La Tenerezza | Morto Stalin se ne fa un altro | Tre manifesti a Ebbing, Missouri | The Square | Manifesto | The Greatest Showman (V.O.) | Tutti i soldi del mondo | Corpo e anima | L'ora più buia (V.O.) | Il palazzo del Viceré | La pelle dell'orso | Coco (NO 3D) | Looking for Oum Kulthum | Jumanji: Benvenuti nella Giungla (NO 3D) | Veleno | Capitan Mutanda: Il film (NO 3D) | Ammore e malavita | La Mano Invisibile | Wonder (V.O.) |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Made in Italy (2017), un film di Luciano Ligabue con Stefano Accorsi, Kasia Smutniak, Fausto Maria Sciarappa.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: