PELHAM 1-2-3: Ostaggi in metropolitana
"Chi rapinerebbe un treno della metropolitana? Bisognerebbe essere pazzi considerando che si tratta di un sistema chiuso". E’ questa la considerazione che, dal 1973 in poi, ha tenuto con il fiato sospeso i tanti lettori del romanzo "La presa di Pelham 1 2 3", scritto da Morgan Freedgood sotto lo pseudonimo di John Godey. Un libro ricco di suspanse che ha già avuto due trasposizioni in fiction: una cinematografica nel 1974, una televisiva nel 1998.
Con questa nuova versione siamo quindi, come già involontariamente il titolo suggerisce, a 3 (in realtà il titolo indica l’orario e il luogo di passaggio di un treno della metropolitana newyorkese: Pelham Bay Park dell’una e ventitre). Dietro il progetto c’è Tony Scott, per la quarta volta regista di un film con Denzel Wahsington dopo "Allarme rosso", "Man on fire" e "Déjà-vu". Stavolta il secondo attore afroamericano premiato con l’Oscar come miglior attore protagonista (dopo Sidney Poitier) non è un poliziotto, ma un "semplice" impiegato comunale. Gestisce e coordina lo smistamento della metropolitana. E’ lui a mettersi in contatto con il conducente di un treno quando questo appare inspiegabilmente fermo sui binari. A rispondergli però, c’è il capo di una banda criminale che ha preso in ostaggio i passeggeri e che si aspetta di essere pagato dieci milioni di dollari per lasciarli andare...
Messo da parte lo humour del film con Walter Matthau del ‘74, Tony Scott cerca come al solito di confezionare una pellicola ricca di adrenalina: montaggio frenetico, musica ad alto volume come un energico videoclip rock e azione a go-go. Il suo è un modo di intendere il cinema d’azione che spinge sempre il piede sull’acceleratore: le sovrimpressioni con l’orario per ricordare l’esaurirsi del conto alla rovescia, i movimenti della macchina da presa, improvvisi e a schiaffo, che sgranano sui volti dei criminali, le interpretazioni sempre urlate dell’antagonista di turno (in questo caso un John Travolta ancora non stravolto dalla tragedia privata della morte del figlio). Nonostante la tecnologia, il budget senza limiti, e un po’ di sangue in più, quello di Scott continua a sembrare un cinema stantio, figlio di action-movie anni ’90 ormai superati: gli atteggiamenti dei personaggi non sono credibili, i malfattori sono normalmente psicopatici e il buono di turno, a piedi, riesce ad arrivare sempre prima del resto della polizia per avere il suo bel faccia a faccia conclusivo con il cattivo. Si percepisce la volontà di richiamare nella trama le colpe degli speculatori di Wall Street, artefici della crisi economica internazionale, ma il tutto si traduce in dettagli malamente esplorati, quasi che non si sia in grado di dire di più che non: "sono sempre stati dei brutti tipi, ma anche lo stato ha le sue colpe". Ne esce un film di intrattenimento che si guarda senza problemi, senza però entusiasmare, che si rischia di dimenticare subito sulla via del ritorno. Sia che si apra lo sportello della macchina che salendo sul primo gradino dell’autobus o oltrepassando le porte d’entrata della metropolitana, il piacere della visione dura un attimo. 3,2,1, finito.

La frase: "Gli ostaggi sono un’assicurazione".

Andrea D'Addio

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Star Wars - L'Ascesa di Skywalker | Dio è donna e si chiama Petrunya (V.O.) | La Belle Époque | La Belle Époque (V.O.) | Un Giorno di Pioggia a New York (V.O.) | The Lodge | La ragazza d'autunno (V.O.) | 18 regali | Qualcosa di meraviglioso | Pinocchio | Pupazzi alla Riscossa - UglyDolls | La dolce vita | Tappo - Cucciolo in un Mare di Guai | Jojo Rabbit (V.O.) | Dora e la città perduta | Dio è donna e si chiama Petrunya | Richard Jewell | Ritratto della giovane in fiamme (V.O.) | Hare Krishna! Il Mantra, il Movimento e lo Swami che ha dato inizio a tutto | Herzog incontra Gorbaciov (V.O.) | Botero - Una ricerca senza fine | Star Wars - L'Ascesa di Skywalker (V.O.) | Spie sotto copertura | Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città | Il traditore | Antropocene - L'epoca umana | Sulle ali dell'avventura | The New Pope (Serie TV) | Andrey Tarkovsky. Il cinema come preghiera | Storia di un Matrimonio | Rosa | Jojo Rabbit | Herzog incontra Gorbaciov | Cena con delitto - Knives Out | Sorry We Missed You (V.O.) | Ritratto della giovane in fiamme | The Farewell - Una Bugia Buona (V.O.) | Il Piccolo Yeti | Tolo Tolo | Ora e sempre riprendiamoci la vita | Richard Jewell (V.O.) | Il mistero Henri Pick | Escher - Viaggio nell'infinito | Me contro Te - La vendetta del Signor S | Piccole donne | La Dea Fortuna | 1917 | Star Wars - L'Ascesa di Skywalker (NO 3D) | Figli | Joker | La ragazza d'autunno | Storia di un Matrimonio (V.O.) | #AnneFrank. Vite parallele | 1917 (V.O.) | City of Crime | L'ufficiale e la spia | Just Charlie - Diventa chi sei (V.O.) | Jumanji - The Next Level | La donna elettrica | Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle (NO 3D) | Hammamet | L'ufficiale e la spia (V.O.) | La Famosa Invasione degli Orsi in Sicilia | Un Giorno di Pioggia a New York | Playmobil The Movie | Piccole donne (V.O.) | Just Charlie - Diventa chi sei | The Farewell - Una Bugia Buona | Pepe Mujica, una vita suprema | Il Primo Natale | Scherza con i fanti | Sorry We Missed You |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Black Christmas (2019), un film di Sophia Takal con Imogen Poots, Cary Elwes, Brittany O'Grady.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: