HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

They

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Leonardo Mezzelani12 maggio 2018Voto: 6.5
 

  • Foto dal film They
  • Foto dal film They
  • Foto dal film They
  • Foto dal film They
Nell’ambito degli studi di genere, si è diffusa l’idea che l’identità sessuale sia scomponibile in tre: sesso, genere ed orientamento. Il primo ci è dato alla nascita, su basi anatomiche; il genere è una costruzione sociale, attraverso la ripetizione quotidiana di azioni più o meno coscienti il soggetto è portato a sentirsi maschio o femmina. L’orientamento, invece, è il sesso (o tipo di persona) da cui un soggetto è attratto. Tutto molto semplice, forse troppo, non a caso questa tripartizione è spesso stata attaccata per la sua rigidità, non adatta a descrivere la fluidità della società.
Il discorso appena affrontato in poche righe potrebbe risultare, ai più esperti, estremamente sbrigativo (e sicuramente lo è), eppure era fondamentale scrivere questa premessa che Anahita Ghazvinizadeh, giovane regista iraniana, alla sua opera prima con “They”, sembra condividere apertamente. Il film racconta la storia di J, un quattordicenne della periferia di Chicago in lotta per trovare la propria identità. Il ragazzino, che vorrebbe essere chiamato “Loro” (“They” in lingua inglese), decide di mettere in stand by, attraverso una terapia medica, il proprio sviluppo. Il motivo? Prendersi del tempo per riuscire a capire a quale sesso sente di appartenere e, di rimando, se effettuare o meno “la transizione”.

Con un materiale di partenza del genere, il rischio di cadere nel calderone dell’ampia produzione LGBT a tema “transgender” era alto, altissimo. Con il suo “They”, però, la giovane regista iraniana dimostra di non peccare certo in banalità: il tema della scelta viene intelligentemente declinato, esteso a tutto il mondo del film. Dalla sorella che deve decidere se accettare o meno di partecipare ad un campus di recitazione, a un mal di denti del fidanzato iraniano da sopportare fino al rientro in patria, passando per una madre che deve vegliare su una zia con disturbi psichici prima di rientrare in casa; tutto è sospeso. L’unico personaggio che sembra vivere l’attesa con serenità è proprio il/la piccolo/a J. Che si tratti di raccontare le proprie esperienze sentimentali durante una passeggiata nel bosco con la sorella, o di rispondere a domande scomode dettate dalla curiosità di chi lo circonda, poco importa, nelle sue parole non c’è la minima richiesta di pietismo. Sembra sempre che sia chi gli giri intorno (e dovrebbe accudirlo) ad aver bisogno di trarre forza da J, di spiarlo attraverso un spioncino sulla parete di hitchcockiana memoria quasi in cerca di ispirazione.

In questo microcosmo dell’attesa veniamo guidati da una regia molto elegante e ricercata, forse troppo. Soprattutto nella parte iniziale del film, infatti, la Ghazvinizadeh sembra voler sorprendere costantemente lo spettatore con elaborate inquadrature e piani sequenza, che rischiano di appesantire inutilmente una storia così delicata.
Se, come già detto, la voglia di estendere un tema così preciso a un discorso globale è sicuramente da catalogarsi sotto i pregi, di contro non si può non notare come forse proprio questa scelta a volte sembra far smarrire la rotta al film, tra le molte sotto-trame aperte si va perdendo un po’ di mordente.

Quale che sia la scelta finale dell’adolescente diventa totalmente irrilevante, così come quelle degli altri personaggi, il film sembra quasi sussurrarci che a volte perdersi non è per nulla spaventoso, anzi, potrebbe essere fondamentale. Come quando cerchiamo di sforzarci nel vano tentativo di ricordare il verso di una poesia che sappiamo di conoscere, più forziamo la mente più restiamo bloccati. Forse l’unica cosa da fare a quel punto è accettare il vuoto, allora, come per magia, tutto potrebbe tornare chiaro.

“They” resta in ogni caso un film prezioso, un buonissimo debutto per una giovane regista che, con i suoi limiti, riesce a raccontare l’intimità della sua autrice e questo è, oltre che raro, sempre un grande pregio.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
La terra buona | Tutti lo sanno | City of Lies - L'ora della verità | Il gioco delle coppie (V.O.) | Green book | Non ci resta che vincere | Poesia senza fine | Remi | Libero (V.O.) | In viaggio con Adele | L'incredibile viaggio del Fachiro | Un Affare di Famiglia | Il testimone invisibile | Ride (di Jacopo Rondinelli) | Bohemian Rhapsody | Dove bisogna stare | Tonya | Il primo re | Finché c'è prosecco c'è speranza | Ralph Spacca Internet (NO 3D) | Soldado | Roma | Degas - Passione e Perfezione | Summer | Green book (V.O.) | La vita in un attimo | La ragazza dei tulipani | Gli uccelli | Colette | Ex-Otago - Siamo come Genova | Vice - L'uomo nell'ombra | Maria, Regina di Scozia | Una notte di 12 anni | Museo - Folle Rapina A Città Del Messico | Un valzer tra gli scaffali | Mia e il Leone Bianco | Crucifixion - Il Male è Stato Invocato | Glass | Bumblebee (NO 3D) | Toro scatenato | Il gioco delle coppie | Il mio Capolavoro | Benvenuti a Marwen | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | Dogman | Abracadabra | Aquaman | Nel corso del tempo | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità | Il complicato mondo di Nathalie | Il ritorno di Mary Poppins | Dragon Trainer - Il Mondo Nascosto (NO 3D) | Capri-Revolution | La douleur | La donna elettrica | Mamma + Mamma | Il Corriere - The Mule (V.O.) | Alita: Angelo della battaglia (V.O.) | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Il filo nascosto | Se la strada potesse parlare (V.O.) | Ti presento Sofia | First Man - Il primo uomo | A Casa Tutti Bene | Morto tra una settimana... o ti ridiamo i soldi | La casa di famiglia | La favorita | Alita: Angelo della battaglia (NO 3D) | Mountain | Alita: Angelo della battaglia | Maria, Regina di Scozia (V.O.) | Conta su di me | Disobedience | Una storia senza nome | La vita in un attimo (V.O.) | L'apparizione | La prima pietra | Santiago, Italia | L'esorcismo di Hannah Grace | The Gandhi Murder | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità (V.O.) | Westwood: Punk, Icon, Activist | Chesil Beach - Il segreto di una notte | Il professore cambia scuola | La favorita (V.O.) | Chi scriverà la nostra storia | BlacKkKlansman | La Casa Sul Mare | Spider-Man: Un Nuovo Universo (NO 3D) | Le nostre battaglie | Roma (V.O.) | L'agenzia dei bugiardi | Euforia | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Lontano da qui | Nelle tue mani | Senza lasciare traccia | Suspiria | 10 giorni senza mamma | Don Chisciotte - ROH 18/19 | Compromessi sposi | L'economia della felicità | Mathera - L'Ascolto dei Sassi | La paranza dei bambini | Ben Is Back | The Children Act - Il verdetto | Non ci resta che il crimine | Ognuno ha diritto di amare - Touch Me Not | The Reunion | 7 uomini a mollo | Leonardo - Cinquecento | Copperman | Lo Schiaccianoci - Royal Opera House | Creed II | L'Albero tra le Trincee | I nomi del signor Sulcic | Toglimi un dubbio | Dragon Trainer - Il Mondo Nascosto | Ognuno ha diritto di amare - Touch Me Not (V.O.) | Sex Cowboys | Rex - Un Cucciolo a Palazzo | Tre volti | 9 dita | La donna dello scrittore | Se la strada potesse parlare | Old Man & the Gun | Ricomincio da me | Cold war | A Star Is Born | Io non sono qui | Opera senza autore | Un'Avventura | Il Corriere - The Mule | Ladri di biciclette | Notti magiche | Sergio e Sergej - Il professore e il cosmonauta |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Modalità Aereo (2019), un film di Fausto Brizzi con Violante Placido, Paolo Ruffini, Sabrina Salerno.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: