Leonardo.it


Tutta la vita davanti
Sempre attento a registrare e riportare i cambiamenti della vita sociale del Paese, Paolo Virzì è forse l’unico nostro regista capace di rielaborare, a suo modo e con intelligenza, la troppe volte evocata a sproposito commedia all’italiana. Ciò che emerge dai suoi film è sempre una riflessione su ciò che siamo diventati o che stiamo diventando, è il mondo che viviamo o che ci circonda da molto vicino.
Anche la peggiore delle situazioni, come quella qui raccontata di una ragazza intelligente e laureata costretta, come tante altre, a lavorare in un call center perché quella è l’unica occupazione che le si offre, viene stemperata con quel tono ironico (e qui anche grottesco) che riesce nell’impresa di intrattenere (le circa due ore filano via alla grande) e allo stesso tempo a gettare una forte malinconia (perché fondata sulla realtà e non su un espediente narrativo).
Non è un caso se in un momento del film si riveda un frammento di quel “C’eravamo tanto amati” che ricostruiva il ritratto di una generazione, quella che dopo la guerra pensava che tutto sarebbe stato possibile. “Volevamo cambiare il mondo, ma il mondo ha cambiato noi” diceva l’ex professore Nicola Palumbo. La generazione di oggi forse un ideale neanche lo ha mai avuto, il sistema e il pensiero attuale hanno fatto sì che in pochi pensino che la solidarietà e l’unione siano in grado di fare la forza. Non solo le colleghe di Marta, la protagonista, non ascoltano e non si rivolgono al sindacalista interpretato da Mastrandrea, ma quest’ultimo stesso rappresenta un personaggio contraddittorio e non così efficace, attento forse anche lui più alla notizia che al radicamento del problema.
L’occhio senza pregiudizi di Marta diventa così l’espediente per scandagliare un universo di tipi umani sempre più reali. Non c’è condanna in Virzì neanche per chi non sta all’ultimo gradino della scala gerarchica: i capi sono personaggi altrettanto tragici e miseri nella loro vita da reality.
L’ossessione per essere dei numeri uno, la prostituzione del corpo (come accade al personaggio di Sonia) e quella del cervello (Marta, che non a caso è la migliore del suo turno), la meschinità con cui aziende che cercano di vendere per telefono cercano di farsi ricevere a casa puntando sulla bontà di cuore di persone per lo più anziane preoccupate del mondo che stanno lasciando: “se riceverà un nostro incaricato aiuterà noi giovani che lavoriamo qui al call center e che veniamo pagati ad appuntamento”.
Sono tanti gli spunti veri (per chi non lo sapesse, in quei luoghi davvero c’è la musica prima di iniziare la giornata, così come sono realistici tanti altri momenti) e quando Virzì e il suo fidato co-sceneggiatore Francesco Bruni decidono di andare un pò oltre e cavalcare quell’aspetto grottesco sopra citato, lo fanno con mestiere e buon gusto, senza risultare ridicoli. Dietro quella che potrebbe sembrare ogni tanto una forzatura (l’omicidio in ufficio o la videochiamata sulle tette), c’è sempre un elemento di riflessione da far passare o un ballo da insegnare perché si cominci a capire quale sia il ritmo di questa vita che il titolo del film dice essere davanti, mentre il film stesso puntualizza essere sì davanti, ma chiusa.
Perfetto tutto il cast, capitanato dalla quasi esordiente Isabella Ragonese. La sua bellezza non appariscente, il suo sguardo non giudicante, ma comunque deciso e attento, buca lo schermo. Massimo Ghini e Sabrina Ferilli ritrovano assieme Virzì dopo Ferie d’Agosto, e danno il loro contributo in ruoli non principali, ma comunque importanti. Intenso Elio Germano, sempre bravo Mastrandrea, bella e ben inserita nella parte della ragazza superficiale, ma dall’animo tragico, Micaela Ramazzotti. Virzì sceglie bene le sue facce per quello che forse è il suo miglior film.

La frase: "Quoque tu Brutus filius mius".

Andrea D’Addio

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Lights Out - Terrore Nel Buio | My Bakery in Brooklyn - Un pasticcio in cucina | Top gun | One More Time with Feeling (NO 3D) | Fiore del deserto | Nel corso del tempo | A Dragon Arrives! | Frantz | Tutti vogliono qualcosa | Man in the Dark | Mia madre fa l'attrice | Il vigile | In nome di mia figlia | Blair Witch | Il labirinto del silenzio | Dior and I | 1001 Grammi | Nostalgia della luce | Wax - We are the X | Suite Francese | Alla ricerca di Dory (V.O.) | The Rolling Stones. Havana Moon in Cuba | Star Trek Beyond (NO 3D) | Anime nere | La notte del giudizio - Election Year | La vita possibile | S Is for Stanley | Un bacio | This Changes Everything | I Cancelli del Cielo | Spira Mirabilis | Jason Bourne | L'era glaciale: In rotta di collisione (NO 3D) | Little Sister | Il fiume ha sempre ragione | Anomalisa | La pazza gioia | I magnifici 7 (V.O.) | Le vacanze di Monsieur Hulot | Il fantasma e la signora Muir | Un mercoledì di maggio | Troppo napoletano | Ma loute | La corte | Alla ricerca di Dory (NO 3D) | Un Padre, Una Figlia | Woman in Gold | Fuck you, prof! | Una notte con la Regina | Top gun (NO 3D) | Fuck You, Prof! 2 | Joy | La teoria svedese dell'amore | Julieta | Noah (NO 3D) | Una Diecimilalire | Loro chi? | El abrazo de la serpiente | Sole alto | Blue Valentine | Florida | Le confessioni | Escobar | Alla ricerca di Dory | Francofonia - Il Louvre sotto occupazione | Mai stati uniti | Il Drago Invisibile (NO 3D) | L'era glaciale: In rotta di collisione | Independence Day: rigenerazione | Trafficanti | Laurence Anyways (V.O.) | Lolo - Giù le mani da mia madre | Prima di lunedì | Demolition - Amare e Vivere | Metropolis | La mossa del pinguino | The Zero Theorem - Tutto è vanità | One More Time with Feeling | La dolce vita | Al di là delle montagne | Fuocoammare | I miei giorni più belli | Nel corso del tempo (V.O.) | Mister Chocolat | L'Era Glaciale 4 - Continenti alla deriva (NO 3D) | Un amore all'altezza | L'uomo che vide l'infinito | Segreti di famiglia | Brooklyn | The Beatles: Eight Days a Week - The Touring Years | Veloce come il vento | Perfetti sconosciuti | The Dressmaker - Il diavolo è tornato | Fiore | Tommaso | Condotta | Giorno di festa | Tutti vogliono qualcosa (V.O.) | Io prima di te | Il diritto di uccidere (V.O.) | Sotto Assedio - White House Down | Tra la terra e il cielo | I magnifici 7 | Elvis & Nixon | L'estate addosso | Miss Julie | Lo chiamavano Jeeg Robot | L'Era Glaciale 4 - Continenti alla deriva | Il diritto di uccidere | Nemiche per la pelle | Microbo & Gasolina | Advanced Style - Le signore dello stile | L'effetto acquatico - Un colpo di fulmine a prima svista | Questi giorni | Assolo | Io prima di te (V.O.) | Unlearning | Il Piano di Maggie - A cosa servono gli uomini | Independence Day: rigenerazione (NO 3D) | Suffragette | La casa delle estati lontane | Piuma | Da Monet a Matisse - L'arte di dipingere giardini | Paradise Beach: Dentro L'incubo | Suicide Squad (NO 3D) | La famiglia Fang | Il Clan | Bridget Jones's Baby | Truman - Un vero amico è per sempre | Torno da mia madre |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per La ragazza del mondo (2016), un film di Marco Danieli con Sara Serraiocco, Michele Riondino, Marco Leonardi.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: