Leonardo.it

FilmUP.com > Recensioni > Una famiglia
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Una famiglia

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Rosanna Donato04 settembre 2017Voto: 2.0
 

  • Foto dal film Una famiglia
  • Foto dal film Una famiglia
  • Foto dal film Una famiglia
  • Foto dal film Una famiglia
  • Foto dal film Una famiglia
Presentato In Concorso alla 74a Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, “Una famiglia” di Sebastiano Riso lascia perplessi sotto ogni punto di vista, dalla sceneggiatura alla regia, fino all’interpretazione che sarebbe meglio dimenticare. Il film racconta la storia di Vincent e Maria. Il primo ha origini parigine, ma ha tagliato ogni legame con le sue radici. Maria, più giovane di quindici anni, è cresciuta a Ostia, ma non vede più la sua famiglia da troppo tempo. I due vivono una quotidianità all’apparenza normale, che però lascia trapelare un terribile progetto di vita portato avanti da lui con determinazione e da lei accettato in virtù di un amore senza condizioni: aiutare coppie che non possono avere figli, vendendo a queste ultime i loro. Arrivata a quella che il suo istinto le dice essere l’ultima gravidanza, Maria decide che è giunto il momento di formare una vera famiglia, ma Vincent la vede diversamente… Presto infatti troverà una nuova coppia, omosessuale, a cui vedere il prossimo bambino.
Talvolta è necessario parlare di temi così attuali e importanti. Il problema però si verifica nel momento in cui essi non vengono affrontati con il giusto equilibro e una tecnica che metta in risalto la drammaticità dell’evento. Una donna innamorata, succube del “compagno”, che ha avuto un’infanzia difficile e adesso vorrebbe soltanto raggiungere la felicità. Una felicità che solo la creazione di una famiglia potrebbe darle. “Una famiglia” di Sebastiano Riso affronta il tema della maternità, ma anche della speranza e della difficoltà nel reagire a determinate situazioni quando si è innamorati, evidenziando una condizione di sottomissione della donna che farebbe rabbrividire tutte le persone che ogni giorno combattono e hanno combattuto per ottenere l’emancipazione. La regia di Riso non convince affatto: il regista vorrebbe coinvolgere emotivamente il pubblico con inquadrature in primo piano riprese attraverso una camera a mano, ma non ci riesce. La macchina sembra non lasciare spazio né agli interpreti, né al contesto in cui si svolgono i fatti. Questo poiché pare volersi intromettere con insistenza nelle scene, come volesse far parte di esse e stare “addosso” ai personaggi, dando così una sensazione di claustrofobia al pubblico.
La sceneggiatura è scialba: contiene dialoghi talmente inconsistenti che se non esistessero, non sarebbe una grave perdita. Un miscuglio di banalità e cliché ingiustificabili, come del resto lo è tutta la pellicola. Ma non sono solo questi i problemi legati al film con Micaela Ramazzotti (Maria) e Patrick Bruel (Vincenzo). Da bocciare è anche l’interpretazione di quest’ultimo attore, il quale non riesce a dare il giusto spessore al suo personaggio e pare leggere le battute sul momento. Non è da meno la Ramazzotti, che interpreta una figura così tormentata dalla voglia di avere un bambino tutto suo che risulta non solo sopra le righe, ma anche ridicola. Un personaggio che non riesce in alcun modo ad empatizzare con il pubblico, nonostante il tema di fondo. Troppo concentrata sulla drammaticità, l’attrice, tanto da perdere di credibilità e naturalezza. Piange, soffre, raramente sorride. Espressiva sì, ma quando c’è troppa “euforia” nell’impersonare una figura di così grande spessore, non sempre il risultato finale è dei migliori. Si assiste addirittura a scene imbarazzanti, a situazioni che non stanno né in cielo né in terra, a scene senza senso, a tante cose messe lì, a caso, come a voler allungare il brodo. Un brodo caratterizzato da un ritmo narrativo eccessivamente lento, che stanca il pubblico sin dai primi minuti ed appiattisce notevolmente l’intera pellicola.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Looking for Oum Kulthum | Poesia senza fine | L'Insulto | Safari | Due sotto il burqa | L'esodo | Rams - Storia di due fratelli e otto pecore | Star Wars: Gli ultimi Jedi (NO 3D) | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Gatta Cenerentola | L'inganno | Assassinio sull'Orient Express | Ballerina | Insidious: L'ultima chiave | Il Premio | Ella & John - The Leisure Seeker | La ruota delle meraviglie | Alla ricerca di Van Gogh | The Midnight Man | Tutti i soldi del mondo | La Mano Invisibile | Poveri ma ricchissimi | Napoli velata | Ferdinand (NO 3D) | 50 Primavere | Leo da Vinci - Missione Monna Lisa | Tir | L'Atalante | Kong: Skull Island (NO 3D) | The Paris Opera | Ritorno in Borgogna | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | My Generation | Aspettando il Re | Un sacchetto di biglie | La signora dello zoo di Varsavia | The Square | Wonder (V.O.) | Essere Gigione - L'incredibile storia di Luigi Ciaravola | Manifesto | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Il vegetale | The Greatest Showman | Tre manifesti a Ebbing, Missouri | Ammore e malavita | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | Morto Stalin se ne fa un altro (V.O.) | Nove lune e mezza | Lasciati Andare | L'ora più buia (V.O.) | Billy Lynn: Un giorno da eroe | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | Borg McEnroe | Il senso della bellezza | Wonder | Vista Mare | Easy - Un viaggio facile facile | Benedetta Follia | Suburbicon (V.O.) | La Tenerezza | Star Wars: Gli ultimi Jedi | Coco | Coco (NO 3D) | Smetto quando voglio - Ad Honorem | Appuntamento al parco | Il palazzo del Viceré | Assolo | A Ciambra | Come un gatto in tangenziale | Dickens - L'uomo che inventò il Natale | Manchester by the Sea | Bastille Day - Il colpo del secolo | Loveless | Il ragazzo invisibile - Seconda generazione | Veleno | Natale da Chef | Gli sdraiati | Tre manifesti a Ebbing, Missouri (V.O.) | Lady Macbeth | Barbiana '65 | Loving Vincent | A Casa Nostra | La pelle dell'orso | Corpo e anima | Jumanji: Benvenuti nella Giungla (NO 3D) | Noi Siamo Tutto | L'incredibile vita di Norman | Amori che non sanno stare al mondo | Slam - Tutto per una ragazza | Anime nere | Un tirchio quasi perfetto | The Greatest Showman (V.O.) | Oltre i confini del male - Insidious 2 | The Place | Jumanji: Benvenuti nella Giungla | Maurizio Cattelan: Be Right Back | Human Flow | Capitan Mutanda: Il film (NO 3D) | Morto Stalin se ne fa un altro | In guerra per amore | L'ora più buia | L'altro volto della speranza |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Gli Invisibili (2017), un film di Claus Räfle con Max Mauff, Alice Dwyer, Ruby O. Fee.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: