Burnt By the Sun 2: The Exodus
Sedici anni sono trascorsi da "Il sole ingannatore", premiato a Cannes con il Gran Premio della Giuria e vincitore dell’Oscar come Miglior film straniero. Uno dei più sopravvalutati registi russi, il moscovita Nikita Mikhalkov, torna con il sequel e, come siamo ormai abituati ad attenderci, come tutti i secondi capitoli piega il finale del capostipite a suo uso e consumo. Così il protagonista, il generale Kotov, interpretato dallo stesso regista, non è morto nel gulag dove è stato rinchiuso, dopo il tradimento di Mitya Arsentyev, ma è riuscito a fuggire. Nel 1941 si arruola come volontario e va al fronte, a combattere i nazisti. L’uomo è convinto che la moglie e la figlia siano morte in un campo di lavori forzati, in realtà non è così, anzi la figlia Nadya (la bionda reale figlia di Mikhalkov) è sopravvissuta e, per cercare il padre, si è arruolata come infermiera. Il "la" per questo film pare sia venuto a Mikhalkov dopo la visione di "Salvate il soldato Ryan" di Steven Spielberg. Tant’è.
40 milioni di dollari di budget dichiarati (secondo alcuni 55), appoggiato da Putin e dal Ministero della Cultura che lo ha finanziato (a detta del regista, nonché qui attore e sceneggiatore, solo 2 milioni di dollari dal governo, gli altri da fondi privati), è il film più costoso di tutta la storia del cinema russo e si nota senz’altro. Lo zar Mikhalkov, amico dei potenti, non sa andare però oltre scene magniloquenti, stucchevoli per barocchismo e ridondanza, arricchite da molti suoi primi piani e da simbologie elementari. Lo scopo è mostrare la sofferenza del popolo russo durante la Seconda Guerra Mondiale: le condizioni disumane, le carneficine, in una sottolineatura portata avanti con una mano da cineasta pesante come un macigno, in un lavoro di accetta piuttosto che di cesellatore. Si salva ben poco da questa retorica insistita del dolore, che cede spesso a un ridicolo involontario, tanto più ripugnante vista la materia trattata. Si passa da un’epica patinata e manierista alla brutalità, alla man bassa di cliché di genere bellico: irritante allo stremo, perché ciò che davvero passa, nelle oltre due ore di visione, è l’Ego del regista, l’essere portatore (furbo) di un messaggio (che si fatica a rintracciare, in questo minestrone di tematiche) che suona così falso da rendere impossibile ogni empatia. Se il film si conclude con un "fine della prima parte" che ha prodotto risate e qualche brivido in prospettiva, possiamo stare tranquilli, per "Il sole ingannatore 3 – La cittadella" pare siano previsti sei anni di lavorazione.

La frase: "Cos’è, è il circo?".

Donata Ferrario

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.








I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Citizen Rosi | The Report | Vicino all'Orizzonte | Pepe Mujica, una vita suprema | Stanlio e Ollio | Maleficent - Signora del Male (NO 3D) | Shaun, Vita da Pecora - Farmageddon Il Film | Downsizing - Vivere alla grande | Yesterday | Il giorno più bello del mondo | Zombieland - Doppio Colpo (V.O.) | La favorita | Miserere (V.O.) | A mano disarmata | Il Re Leone (NO 3D) | Attraverso i miei occhi | Il villaggio di cartone | Downton Abbey | Scary Stories to Tell in the Dark | Parasite (V.O.) | Il ritratto negato | Finchè morte non ci separi | La famiglia Addams (NO 3D) | Il Piccolo Yeti | Sofia | Tutto il mio folle amore | Le ragazze di Wall Street - Business Is Business | Ermitage - Il Potere dell'arte | L'uomo del labirinto | #AnneFrank. Vite parallele | Psicomagia - Un'arte per guarire | Dolcissime | La donna che visse due volte (V.O.) | Il Sindaco del Rione Sanità | The Irishman (V.O.) | Cyrano mon amour | Antropocene - L'epoca umana | Aspromonte - La terra degli ultimi | Gemini Man (NO 3D) | Joker (V.O.) | The Rider - il sogno di un cowboy | Peterloo | Vivere | Pupazzi alla Riscossa - UglyDolls | Il Regno | Ricordi? | Sole | First Man - Il primo uomo | Le ragazze di Wall Street - Business Is Business (V.O.) | Maleficent (NO 3D) | Good bye Lenin! | La Notte non fa più Paura | The Bra - Il reggipetto | La Famosa Invasione degli Orsi in Sicilia | Yuli - Danza e libertà | Il mio profilo migliore | Parasite | C'era una volta...a Hollywood | La Belle Époque (V.O.) | Gli uomini d'oro | Drive me Home | Una canzone per mio padre | Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città (V.O.) | Bellissime | Easy rider - Liberta' e paura | Terminator: Destino Oscuro | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Pavarotti | Aquile randagie | Bangla | Grazie a Dio (V.O.) | Lou Von Salomé | La donna che visse due volte | Il cielo sopra Berlino | L'età giovane (V.O.) | Cafarnao - Caos e miracoli | Il traditore | Grazie a Dio | L'età giovane | Come se non ci fosse un domani | The Danish Girl | Ailo - Un'avventura tra i ghiacci | Doctor Sleep | I migliori anni della nostra vita | Deep - Un'avventura in fondo al mare | Se mi vuoi bene | Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città | Pertini - Il Combattente | Mio fratello rincorre i dinosauri | L'amour flou - Come separarsi e restare amici | Le Mans '66 - La grande sfida (V.O.) | Le verità | Il Pianeta In Mare | Gemini Man (V.O.) | Non succede, ma se succede... | Zombieland - Doppio Colpo | Edison - L'uomo che Illuminò il Mondo | Tuttapposto | Le Grand Bal | L'unione falla forse | Be happy - La mindfulness a scuola | Una notte di 12 anni | Sono Solo Fantasmi | BlacKkKlansman | Dafne | The Report (V.O.) | La Belle Époque | The Irishman | Downton Abbey (V.O.) | Martin Eden | Le Mans '66 - La grande sfida | Joker |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Rwanda (2018), un film di Riccardo Salvetti con Marco Cortesi, Mara Moschini,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: